Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Ragusa, 20 febbraio 2017 – Domenica 5 marzo 2017, ore 18.30, appuntamento all’Auditorium “Feliciano Rossitto” di Ragusa (Via Ettore Majorana 5, angolo Via Giorgio La Pira).

Sarà la compagnia teatrale Utopia, in sinergica collaborazione con il Centro Studi Feliciano Rossitto, Centro Servizi Culturali, Federazione Italiana Teatro Amatori e Assessorato Regionale dei Beni Culturali e Identità Siciliana, a mettere in scena 3 atti unici di Anton Cechov

“Fa male il tabacco – Una domanda di matrimonio – L’anniversario”.

La regia è curata da Giorgio Sparacino mentre le scene sono di Bernd Leuchtenberger. 

I costumi sono affidati a Natalina Lotta; luci e fonia a Davide Criscione.

Il cast degli attori è costituito da Marco e Pippo Antoci, Pino Arestia, Monica Bisceglia, Ornella Cappello, Giorgio Gurrieri, Natalina Lotta. 

Info e prenotazioni: 331.2100522 – 333.5979085

 

L’ironia grottesca del drammaturgo russo Anton Cechov (1860-1904), alla base di tutte le sue opere, viene presentata attraverso “Una domanda di matrimonio” e “Fa male il tabacco”; il primo è un testo che personifica una comicità ai limiti dell’assurdo, un gioco di equivoci per rendere ridicolo l’essere umano, mentre il secondo è un piccolo capolavoro, un’allegoria sulla decadenza di “corpus et anima” che getta uno sguardo tenero e crudele sui casi della vita.

A chiudere la serata sarà “L’anniversario” in cui un presuntuoso banchiere si accinge a festeggiare il quindicesimo anniversario della fondazione della sua banca. A mettere in “pericolo” la tanto attesa (auto)celebrazione, una moglie svampita, un impiegato frustrato e una nevrastenica cliente della banca.

 

Giuseppe Nativo

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry