Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Ragusa, 1 marzo 2017 – La programmazione al Lumière per i primi di marzo.

 

Mercoledì 1 Marzo "Moonlight" di B. Jenkins - Premio Oscar 2017 - Orari: 18:00 - 20:20 e 22:15

Giovedì 2 Marzo - rassegna "Appuntamento al buio" - "Ma loute" di Bruno Dumont con Fabrice Luchini - Orari: 18:30 e 21:30

Da Venerdì 03/03 a Mercoledì 08/03 "Moonlight" di B. Jenkins - Premio Oscar 2017 - Orari: 18:00 - 20:20 e 22:15.

Probabile apertura lunedì 06/03 (per info chiamare il 3492249680)

 

Anche quest'anno come da tradizione approda al Lumière (orari: 18:30 - 20:20 e 22:15) il film premio Oscar della stagione cinematografica in corso. Da mercoledì primo marzo sarà infatti proiettato il film "Moonlight" di Barry Jenkins, vincitore di altri due premi Oscar tra cui migliore sceneggiatura non originale e miglior attore non protagonista a  (Mahershala Ali) e Miglior sceneggiatura non originale (a Barry Jenkins, che è anche il regista, e a Tarell Alvin McCraney, autore del testo teatrale da cui Moonlight è tratto). in allegato la locandina del film

Moonlight racconta l'infanzia, l'adolescenza e l'età adulta di Chiron, un ragazzo di colore cresciuto nei sobborghi difficili di Miami, che cerca faticosamente di trovare il suo posto del mondo. Un film intimo e poetico sull'identità, la famiglia, l'amicizia e l'amore, animato dall'interpretazione corale di un meraviglioso cast di attori.  

Giovedì 03/02 continua il secondo ciclo della rassegna "Appuntamento al buio" con l'attesissima commedia "Ma loute " di Bruno Dumont, con Fabrice Luchini e Valeria Bruni Tedeschi (Orari: 18:30 e 21:30).

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry