fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 26 agosto 2014 – Alessandro Vicari, insegnante Isef, istruttore di minibasket ed allenatore di basket, è il nuovo presidente del Basket Club Ragusa - progetto Nova Virtus.

Vicari, che negli ultimi anni è stato il team manager della Nova Virtus e che va annoverato tra i fondatori del Basket Club, succede all'imprenditore Sergio Tumino che negli utlimi anni si era alternato alla guida del sodalizio con Antonio Aggius Vella, imprenditore.

Vice presidente è stato nominato Alessandro Tumino, medico, ex cestista, che già in passato aveva ricoperto tale carica.

Nessun cambiamento nei programmi societari: obiettivo primario sarà quello di avviare al basket i ragazzini, di farli crescere e di valorizzarli.

In questa ottica, per la prossima stagione agonistica, che vedrà la Nova Virtus militare nel campionato di DNC, si inquadrano i prestiti di Carmelo Iurato e Lucio Salafia, reduci da esperienze biennali nelle massime serie, rispettivamente ad Agropoli ed Isernia, società di serie superiore.

Un terzo giovane emergente della Nova Virtus, il pivot classe 1994, Giuseppe Cascone, 205 centimetri, potrebbe lasciare la società iblea perché richiesto da un club di Lega Gold.

In dubbio anche la permenenza, per motivi di studio, di Giorgio Canzonieri.

Il raduno precampionato e l'inizio della preparazione, agli ordini di coach Massimo Di Gregorio, sono stati fissati per l'1 settembre al PalaPadua.

A giorni sarà diramata la lista dei convocati.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry