fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Comiso, 22 marzo 2016 –  Affermazione in campo sportivo per le studentesse dell’Istituto secondario “G. Carducci” di Comiso. 

Le pallavoliste della scuola, guidate dai professori di Scienze Motorie, hanno vinto la fase provinciale dei Giochi Sportivi Studenteschi. 

Le gare della fase provinciale si sono svolte alla palestra del Liceo Scientifico “Galileo Galilei” a Modica tra la rappresentativa  del “Carducci” , quella del Liceo Scientifico “Enrico Fermi” di Ragusa e quella del Liceo di Scienze umane “G. Verga” di Modica; le atlete comisane hanno vinto con un 2-0 secco, al termine di un triangolare combattuto. Adesso per le giovani atlete del  “Carducci” si aprono le porte delle finali interprovinciali.

Nella foto le pallavoliste della squadra del “Carducci “ Flavia Columbo, Marta Occhipinti, Alessandra Alessandrello, Sara Pace, Sofia Baglieri, Valentina Dibennardo, Martina Castilletti, Evren Giannì, Alice Chiarandà, Alessandra Bertino, Noemi La Rosa, Giovanna Tomasello.

«Sono riconoscimenti di grande valore -ha detto la professoressa Nunziata Raniolo-. Questi riconoscimenti indicano che la nostra proposta didattico-educativa si muove nella direzione giusta. Questi sono gli obiettivi formativi che quotidianamente cerchiamo di raggiungere non solo con la nostra attività di insegnamento- apprendimento , ma anche attraverso i progetti che portiamo avanti».


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry