Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Sport
Typography

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Ragusa, 5 maggio 2017 – Sabato 6 pomeriggio e domenica 7 mattina si terrà a Ragusa, presso la palestra dell’Istituto Tecnico per Geometri, uno stage di karate-do organizzato dal M° Antonino Giannì del Dojo Karate-Do Shtokan in collaborazione con la segreteria regionale per la Sicilia della Shotokan Karate-Do Iternational-Italia. 

Lo stage sarà tenuto dal Maestro Masaru Miura, cintura nera 9° dan, direttore tecnico per l’Italia e per l’Europa della Shotokan Karate-do International (SKI). Il Maestro Miura ha raggiunto il livello più alto di maestria nel karate-do, Hanshi, ed ha l’onorificenza del titolo di Shihan, usato per maestri particolarmente esperti e del livello più alto.  Lo stage è sicuramente di elevato livello tecnico considerato che Shihan Miura è un maestro di grande fama internazionale, un riferimento di spicco del Karate-do Shotokan in tutto il mondo, per il suo indiscusso elevato livello tecnico, ma anche per le sue doti umane. 

La sua ricerca nell’arte marziale lo porta a una continua evoluzione della tecnica, pur nel rispetto della tradizione. In particolare, la sua ricerca è finalizzata alla interpretazione più pura del principio fondamentale del karate insegnato da Gichin Funakoshi: "karate ni sente nashi". Shihan Masaru Miura, nasce a Shizouka nel 1939,  discende da una famiglia di samurai da parte del nonno materno, ha studiato karate sotto la guida del grande Maestro MasatoshiNakayama alla prestigiosa Università Takushoku, dove si è laureato in economia e commercio. E’ stato uno dei pionieri del karate-do in Italia negli anni sessanta. 

 

Per maggiori informazioni e dettagli visitare la pagina web http://dojoks.altervista.org

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry