fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Economia e Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 9 maggio 2015 – I migliori studenti dei corsi di formazione per serramentisti dell’Aluscuola (scuola alluminio) d'Italia si danno appuntamento a Ragusa per la gara nazionale. L'iniziativa s'inserisce nell'ambito della XXII Convention nazionale di Aluscuola. 

L'iniziativa è in programma all'Istituto salesiano di Ragusa dal 13 al 15 maggio. Nei primi due giorni una quindicina di studenti, in rappresentanza degli Istituti di Sicilia, Piemonte, Veneto, Lombardia e Liguria, Trentino, Lazio si eserciteranno in prove teoriche e pratiche. Una giuria di esperti valuterà i lavori e assegnerà il premio miglior allievo di Aluscuola. 

La cerimonia di consegna del premio si terrà il 15 maggio. In quella data, alle 9,30, sono previsti gli interventi di don Paolo Terrana (Direttore dei Salesiani di Ragusa), monsignor Paolo Urso (Vescovo di Ragusa), Annunziato Vardè (Prefetto di Ragusa), Federico Piccitto (Sindaco di Ragusa), Bruno Rosevich (Presidente di Aluscuola), Pietro Gimelli (Direttore generale Unicmi), Giorgio Cappello (Presidente Giovani Industriali Regione Sicilia), Giuseppe Santocono (Presidente Cna provincia di Ragusa). 

Alle 11.00  la premiazione del miglior allievo Aluscuola.

Alle 11,30 inizierà un confronto tra le varie scuole e le aziende socie sul tema: “Scuola e impresa: problemi e prospettive del settore”. 

 

“Nonostante le gravi difficoltà della formazione professionale qui in Sicilia, con grandi sacrifici di chi crede e vuole il bene dei ragazzi e giovani, si cerca di far qualcosa di concreto perché non tutto vada perduto, anzi si pongano segni di speranza e futuro per i nostri ragazzi, tante volte derubati del loro avvenire. Basti pensare che i primi anni sono stati approvati solo adesso, e decine di ragazzi sono stati da settembre fino a maggio senza scuola e la devono iniziare ora!”


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry