fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 13 giugno 2015 – Domenica 14 giugno, con inizio alle ore 21, nel cortile San Metodio di via della Conciliazione 6 a Siracusa, avrà luogo una serata evento intitolata "La nostalgia di una gioia perduta - a quarant'anni da Wish you were here".

Un incontro a cura di don Nisi Candido, direttore dell'ISSR San Metodio, con un chiaro riferimento ai Pink Floyd ma nell'ambito del tema della gioia, scelto in questo anno accademico dall'Istituto Superiore di Scienze Religiose San Metodio per le attività culturali. Si tratta di un tema che riguarda ogni essere umano, credente o non credente, che può quindi essere affrontato da diverse prospettive. 

"La gioia - dice don Nisi Candido - può essere pensata come la propria realizzazione individuale, o come la soddisfazione dei soli bisogni primari, o come il rapporto pacificato con gli altri e con l’ambiente circostante, o come la comprensione dei misteri più profondi della vita, come un dono dall'alto e così via. L’evento che si svolgerà domenica affronta il tema della gioia in un’ottica del tutto particolare. Mescolando riflessioni, musica e arti visive, trae spunto dal quarantesimo anniversario del leggendario album dei Pink Floyd Wish you were here. 

Frutto anche della nostalgia dei componenti della band per il drammatico allontanamento del primo leader, l’album tocca temi esistenziali che rimangono tuttora attuali. La gioia diventa così il frutto maturo, ma anche inatteso, di un percorso di vita problematico e misterioso, ma anche esaltante e duraturo".

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry