fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Domenica, 22 agosto 2015 – Al via da oggi alle ore 21, con la serata "Maria incontra Siracusa", i festeggiamenti per il 62° anniversario della Lacrimazione di Maria a Siracusa. 

Dal 29 agosto al 1 settembre  si ricorderà il prodigio del 1953, quando un quadretto di gesso, raffigurante il cuore immacolato di Maria, posto come capezzale di un letto matrimoniale, nella casa di una giovane coppia di sposi, Angelo Iannuso e Antonina Giusto, in via degli Orti di S. Giorgio ha versato lacrime umane.

Stasera testimonianze in arte sul sagrato della Chiesa Cattedrale in piazza Duomo. Sono intervenuti Mariella Nava e Fabio Salvatore. Ha presentato il giornalista di TV 2000, Fabio Bolzetta.

Domani, domenica 23 agosto, alle ore 18.15, in Basilica preghiera del Rosario; alle ore 19.00 celebrazione eucaristica con la benedizione del cotone. Alle ore 21.00 «Lacrime d’amore. L’evento di Siracusa del 1953», il primo Musical sulla Madonna delle Lacrime. 

Sul palco allestito sul sagrato della cripta della Basilica Santuario della Madonna delle Lacrime, il debutto del musical. 

L’età media dei protagonisti è piuttosto bassa. La maggior parte sono giovani del Santuario che si sono messi in gioco, accompagnati dalla preghiera, per rendere in un musical l’evento del 1953.

Lo hanno fatto come un servizio verso il Santuario, come un atto di amore nei confronti della Madonna. 

Lo fanno gratuitamente perché vogliono diffondere il messaggio delle lacrime soprattutto tra i loro coetanei. Ed è per questo motivo che hanno scelto una forma d’arte diversa. “Lacrime d’Amore”, attraverso l’esperienza di conversione di un giovane turista che fatica a credere ma che ascolterà la testimonianza di un anziano devoto, racconta la storia del miracolo del 1953 passando dal coraggio della scelta di Antonina fino alla visita di Giovanni Paolo II nel 1994.

Lunedì 24 agosto, alle ore 21.00 «Veglia sotto le Stelle» – Ricordi, racconti e raccordi in uno dei luoghi della nostra memoria (piazza Euripide) e martedì sempre alle ore 21.00 «Il paese delle lacrime» – Teatro-laboratorio per bambini e famiglie a cura della Kairós di Siracusa (sagrato della Cripta).

Mercoledì 26, sempre alle ore 21.00, «Il Calvario e la Bellezza. L’arte a servizio della fede», presentazione del progetto delle 14 stazioni scultoree della Via Crucis realizzate dagli studenti delle Accademie di Belle Arti di Catania e di Palermo (Centro Convegni – Salone Giovanni Paolo II).

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry