fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Comiso, 4 settembre 2015 – Ieri sera con i tradizionali “Giochi in Piazza” a cura del Gruppo Giovani Parrocchiale, si sono aperti i festeggiamenti in onore della Madonna del Rosario Patrona di Pedalino. 

È stata una serata  di grande condivisione vissuta da tutta la comunità in piena armonia. L’ottima riuscita è stata possibile grazie al prezioso lavoro dell’affiatato e oramai esperiente Gruppo Giovani Parrocchiale che per più di un mese insieme al Parroco Sac. Giovanni Medica, hanno lavorato instancabilmente all’organizzazione dell’iniziativa. Ottima la risposta da parte della comunità di Pedalino  e anche da qualche Comune limitrofo infatti, dieci sono state le squadre che hanno partecipato. Particolare quest’anno la presenza tra i partecipanti di due squadre composte da ragazzi richiedenti asilo ospiti del progetto SPRAR Farsi Prossimo di Comiso, gestito dalla Fondazione San Giovanni Battista, i ragazzi provenienti da diversi paesi dell’Africa hanno partecipato con grande entusiasmo  insieme al resto degli iscritti.

I festeggiamenti continueranno, ogni sera un piccolo simulacro della Vergine Santa raggiungerà un quartiere della frazione e Contrada Quaglio, dove sarà celebrata la Santa Messa e a seguito si terrà la tradizionale cena con la vendita all’asta dei doni preparati dagli abitanti dei quartieri. Il momento centrale della festa è previsto per domenica 13 settembre, giornata in cui il simulacro della Madonna del Rosario verrà portato a spalla per tutte le strade di Pedalino. Durante i festeggiamenti previsti anche dei momenti collaterali come un convegno su Mons. Vincenzo Migliorisi sacerdote originario della comunità e un convegno sulla “teoria del Gender”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry