fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 29 aprile 2016 – Si svolgerà lunedì 2 maggio, a partire dalle ore 16, il convegno, organizzato dalla direzione centrale per gli affari del culto del Ministero dell´Interno, sul confronto tra le diverse realtà religiose presenti in Italia.Il convegno sarà tenuto a Ibla, presso il teatro Donnafugata, in via Pietro Novelli.
Il Prefetto Mario Morcone (capo dipartimento per le Libertà civili e l´immigrazione del Ministero dell´Interno) e il Prefetto Gianna Maria Iurato (direzione centrale per gli affari dei culti del Ministero dell´Interno) hanno voluto un confronto tra Svamini Hamsananda Ghiri (vice-presidente dell´Unione Induista Italiana ),monaco Raffaele Longo (Unione Buddhista Italiana), padre Nicolae Chilcos (Patriarcato ortodosso di Romania ), don Cristiano Bettega (direttore ufficio nazionale per l´Ecumenismo e il dialogo interreligioso della CEI ), imam Yahya Pallavicini (vice presidente COREIS italiana ), dott. Abdellah Redouane (segretario generale Centro Culturale Islamico d´Italia): il tema affrontato sarà relativo alla misericordia, al dialogo, all´integrazione e alla pace. Modererà il prof. Paolo Naso della " Sapienza " di Roma.
I saluti di rito saranno portati da Federico Piccitto, Sindaco di Ragusa, da mons. Carmelo Cuttitta, Vescovo di Ragusa, e dal prefetto Mario Morcone.
Seguiranno, dopo la tavola rotonda, danze indiane e musiche islamiche.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry