Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Roma. Incontro di studio sul culto di San Corrado Confalonieri a Noto e all’Urbe

 

Sabato 11 febbraio alle ore 16:00, si terrà a Roma un incontro di studio organizzato dall’Arciconfraternita “Santa Maria Odigitria dei siciliani”, con il patrocinio della Basilica Cattedrale di S. Nicolò, del Comune di Noto e dell’Associazione “I netini di Roma”, dal titolo: 

“Il culto e l’iconografia di San Corrado Confalonieri tra Roma e la Sicilia”.

La manifestazione che avrà luogo presso la chiesa di Santa Maria Odigitria dei siciliani, sita in via del Tritone, (nelle vicinanze di Piazza Barberini) si propone di riflettere sul culto di San Corrado Confalonieri a Noto e all’Urbe, una devozione che a Roma segna la vita di tanti netini ivi residenti e che è comprovata dalla presenza di pregevoli opere pittoriche raffiguranti il Santo, proprio nella chiesa dell’Odigitria. 

Tre qualificati interventi del Dott. Salvatore Maiore, direttore dell’Archivio storico della diocesi di Noto, dell’Arch. Giuseppe Ingaglio, storico dell’arte e di don Ignazio Petriglieri, Vicario Episcopale per la cultura nella diocesi di Noto, illustreranno il tema dal punto di vista storico, iconografico e teologico. 

Sarà presente una delegazione della Diocesi e del Comune di Noto con il sindaco, dott. Corrado Bonfanti.

Al termine dei lavori, alle ore 19:00, sarà concelebrata la Santa Messa in onore di San Corrado. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry