Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Ragusa, 13 febbraio 2017 – La Chiesa di Ragusa ha accolto con gioia ed esultanza la notizia della nomina di Fra Giovanni Salonia a Vescovo Ausiliare dell’Arcidiocesi di Palermo.

Egli è incardinato da cinquantaquattro anni nella Famiglia religiosa  dei Frati Minori Cappuccini della Provincia di Siracusa, ma è Ragusa la Città che gli ha dato i natali e nella quale è cresciuto,  sino a quando, chiamato dal Signore,  ha intrapreso il  suo cammino vocazionale, che lo ha condotto alla  Consacrazione nella Fraternità Cappuccina ed al Sacerdozio.

“I Santi della Diocesi di  Ragusa mi hanno generato alla fede”, così egli si è espresso nel Messaggio inviato all’Arcidiocesi di Palermo, nel quale ha voluto richiamare le sue radici. 

La Comunità diocesana  esulta di gioia per questo Suo figlio, che è stato chiamato all’Episcopato come Ausiliare dell’Arcidiocesi di Palermo e che da subito si dispone a servire quella porzione del Popolo di Dio.

A lui desiderano stringersi le diverse componenti ecclesiali della Diocesi, il vescovo con i  presbiteri e i diaconi,  i consacrati e le diverse componenti del mondo laicale, manifestando l’affetto e la preghiera e formulando gli auguri più fervidi per il nuovo ministero che il Santo Padre Francesco Gli ha affidato a beneficio della Chiesa palermitana, nella stretta collaborazione con l’Arcivescovo Mons. Corrado Lorefice, al quale, pure, manifestiamo il più vivo compiacimento e l’augurio più fervido.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry