fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vittoria, 15 luglio 2014 – Ieri i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Vittoria hanno tratto in arresto un bracciante agricolo algerino 46enne poiché ritenuto responsabile di aver picchiato, verso le ore 18,  per futili motivi ed in presenza delle figlie minori di 5 e 3 anni, la propria consorte connazionale 31enne casalinga. 

Era stata direttamente quest’ultima a contattare la Centrale Operativa, mediante il numero di emergenza 112, asserendo, in lacrime, di essere stata picchiata dal proprio marito. Immediatamente, l’autoradio giunti all’interno dell’abitazione di Vittoria, notavano la presenza di un vistoso livido sulla guancia sinistra della donna, nonché le due bambine piangenti ed agitate all’interno del soggiorno. 

I militari provvedevano pertanto ad accompagnare la donna presso il Pronto Soccorso di Vittoria, ove i sanitari le prestavano le cure del caso, giudicandola guaribile in giorni 8. 

 

Gli accertamenti effettuati dai militari operanti permettevano di inquadrare l’evento in un rapporto matrimoniale, iniziato nel 2003, caratterizzato da reiterati atti di violenza, principalmente per futili motivi, messi in atto dall’uomo, il quale aveva altresì negato alla moglie qualsiasi possibilità di maneggiare soldi. 

Dopo anni di sofferenza, solo ieri la donna è riuscita ad uscire allo scoperto contattando i Carabinieri della Compagnia di Vittoria, ai quali confessava di aver fino ad allora tollerato le violenze dell’uomo con la speranza di mantenere la famiglia unita.

Alla luce della sua condotta, il cittadino algerino veniva condotto presso la caserma di Via Garibaldi, ove veniva tratto in arresto e sottoposto agli arresti domiciliari presso l’abitazione di un connazionale, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria iblea davanti la quale dovrà rispondere del reato di maltrattamenti in famiglia aggravato dall’aver commesso il fatto in presenza di minori di 18 anni. 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry