fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Pachino, 9 dicembre 2014 – Ieri, Agenti della Polizia di Stato in servizio al Commissariato di Polizia di Stato di Pachino hanno denunciato in stato di libertà N. C. (1986), residente a Pachino per i reati di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Dagli accertamenti investigativi espletati, è emerso un quadro di maltrattamenti perpetrati in almeno tre occasioni nei confronti della convivente. 

A causa del carattere irascibile, infatti, l’uomo si rendeva responsabile di percosse e ingiurie per futili motivi nei riguardi della donna. In particolare alla fine del mese di novembre, a seguito di un litigio la percuoteva con schiaffi costringendo la donna a recarsi al Pronto Soccorso locale da dove veniva dimessa con una prognosi di 5 giorni.

Nonostante le violenze esercitate nei suoi riguardi, la donna, dopo una breve permanenza nella casa dei genitori, preferiva ritornare nella propria abitazione col suo compagno, quasi giustificandone i comportamenti e dunque la violenza gratuita. L’uomo ormai a conoscenza dell’attività investigativa condotta dagli agenti del Commissariato, poiché informato dalla stessa compagna, veniva denunciato per maltrattamenti e lesioni personali dolose oltre ad essere diffidato dal reiterare tali condotte delittuose. La donna veniva avvisata dell’esistenza dei centri antiviolenza e della possibilità del gratuito patrocinio.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry