fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vittoria, 14 gennaio 2015 – Danni alle recinzioni metalliche di due diversi terreni agricoli, che sono state recise per permettere il passaggio del ladro e del motociclo rubato ad un uomo di 33 anni.

È stato arrestato un romeno di 32 anni che non aveva alcun documento al seguito.

Di notte, in contrada Salmé, ha fatto danno alle recinzioni pur di appropriarsi di un motociclo che il proprietario la sera prima aveva lasciato sotto una tettoia sul retro dell’abitazione ove vive tutto l’anno e che sino all’arrivo degli agenti non si era accorto di nulla.

La Volante del Commissariato ha intercettato il romeno che spingeva il motociclo sulla strada provinciale per Pedalino. Alla vista degli Agenti ha lasciato cadere a terra il veicolo ed ha tentato di scappare. Subito è stato raggiunto, bloccato e perquisito. Nelle tasche del giubbotto un grosso cacciavite che aveva utilizzato per divellere il bloccasterzo, le scarpe sporche di terra rossa. 

Un controllo dei poliziotti ha consentito così di trovare le tracce degli scarponi dell’uomo e delle ruote del motociclo ed andando a ritroso di alcune centinaia di metri attraverso i campi e due reti di recinzione lacerate giungere sino al luogo dal quale era stato asportato il mezzo.

Il romeno è stato arrestato e stamane sarà giudicato con rito direttissimo presso il Tribunale di Ragusa.

Il motociclo è stato restituito al legittimo proprietario.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry