fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 14 gennaio 2015 – Ieri pomeriggio a Ragusa una telefonata al 113 segnalava la presenza di un giovane che era stato poco prima bloccato mentre era stato colto nell’atto di asportare diversi generi alimentari all’interno di un noto supermercato situato nella parte alta della città.

 Una pattuglia di Volante della Polizia ha visto che un finanziere, dipendente dal Nucleo Polizia Tributaria di Ragusa, libero dal servizio, aveva notato poco prima l’uomo in uno strano andirivieni; usciva dal supermarket per poi farvi rientro senza apparentemente aver acquistato nulla.

Il militare ha notato come l’uomo, dopo avere occultato sotto il proprio giubbotto una confezione di formaggio ed altri generi alimentari, guadagnava l’uscita; seguito all’esterno dell’esercizio commerciale, il finanziere vedeva il giovane consegnare la merce poco prima rubata dal banco frigo ad altre due persone, occupanti una vettura Hyundai Accent di colore scuro parcheggiata vicino l’uscita. 

A quel punto ha chiesto l’intervento della Polizia e nel contempo riusciva a bloccare il giovane mentre gli altri due, essendosi accorti di quanto stava per accadere, riuscivano a darsi alla fuga nelle zone adiacenti.

Sopraggiunta la Squadra Volante, si è visto che all’interno del veicolo erano stati riposti due voluminosi sacchi di plastica di colore nero contenenti svariati generi alimentari, il cui valore risulta allo stato quantificato in una somma pari a circa 2000 euro. 

Dall’attività di indagine è risultato  che i prodotti rubati erano stati asportati nell’arco delle poche precedenti da distinti supermercati situati a Ragusa: i proprietari di due di questi riconoscevano senza ombra di dubbio la merce rubata di loro proprietà, ed a questi veniva contestualmente riconsegnata, mentre sono ancora in corso indagini tese a verificare la provenienza degli altri prodotti, oggetto di sequestro.

La Hyundai risultata intestata ad una donna romena residente ad Alcamo, incensurata, veniva di fatto sottoposta a sequestro stante la accertata mancata copertura assicurativa e pedissequamente affidata in giudiziale custodia ad una locale ditta di soccorso stradale.   

Condotto presso gli Uffici della Questura, il 19enne romeno residente ad Alcamo è stato sottoposto ai rilievi del locale Gabinetto Polizia Scientifica da dove risultava che il medesimo era già stato denunciato dalla Polizia di Siracusa per furto aggravato.

Per tale motivo, infatti, risultava in atto sottoposto alla misura dell’obbligo di firma presso il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Alcamo.

Ultimati i primi, rituali accertamenti, si è accertato che era giunto nella mattinata di ieri insieme ad altri due uomini sul territorio di Ragusa al fine di mettere a segno dei furti presso alcuni supermercati della zona alta della città, secondo un preciso piano premeditato. 

Reso tempestivamente edotto di quanto sopra il PM di turno, dott. Marco Rota, questi ha disposto che fosse tradotto presso la locale Casa Circondariale.

Sono tuttora in corso indagini tese ad identificare i due correi che, unitamente al giovane romeno arrestato, hanno attuato il piano criminoso. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry