fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vittoria, 31 gennaio 2015 – La Polizia di Vittoria ieri ha messo fine ad una storia di vessazioni e violenze in ambito familiare che si protraevano da anni.

Una donna ha denunciato di un matrimonio durato 45 anni e tre figli adulti, che pian piano, rendendosi conto dell’effettività delle cose, hanno abbandonato il padre, schierandosi contro e ponendosi a protezione della mamma, come accaduto pochi giorni fa, quando uno dopo l’altro si sono presentati al Commissariato di Vittoria chiedendo l’intervento dei poliziotti, dopo che avevano visto il padre uscire da casa con la precisa intenzione di ammazzare la moglie.

La donna non viveva più in casa col marito da parecchio tempo.

L’indagine, coordinata dal Sostituto Procuratore della Repubblica Monica Monego si è protratta per lunghi mesi. 

La Polizia Giudiziaria ha ricostruito tassello dopo tassello l’intera drammatica storia, dopo avere stabilito un rapporto fiduciario con la vittima.

Ieri il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Ragusa Claudio Maggioni ha accolto la richiesta del Pubblico Ministero per l’applicazione della misura della custodia cautelare in carcere. Ha ritenuto che sussistono le esigenze cautelari; che emergono chiaramente dalle modalità e dalle circostanze del fatto ed il pericolo che l’indagato perseveri nell’azione delittuosa già intrapresa e commetta altri reati della stessa specie, avendo peraltro manifestato con i suoi comportamenti una personalità aggressiva e incurante della integrità fisica e psichica della donna.

Gravi i reati contestati; maltrattamenti in famiglia e violenza sessuale con la minaccia di una pistola.

Nel corso del tempo l’uomo, M. F. vittoriese 66enne, ha tentato di aggredire la moglie all’uscita del posto di lavoro, inviato sms coi quali chiedeva i soldi del mantenimento, minacciava di bruciare il mobilio acquistato dalla donna e le diceva parolacce.

La donna, 61enne, da quando si era accorta che il marito intratteneva relazioni extraconiugali con donne romene aveva deciso di non avere più rapporti sessuali con lui…

Ieri sera, per M.F., pregiudicato per armi, si sono aperte le porte del carcere di Ragusa. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry