fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vittoria, 17 febbraio 2015 – Un cittadino tunisino di circa 60 anni con precedenti specifici è stato arrestato dai militari della Compagnia Carabinieri di Vittoria che lo hanno sorpreso con due ovuli, per un totale di circa 40 grammi di eroina nascosti all’interno del retto.

L'uomo che proprio a causa dei suoi precedenti specifici era tenuto sotto controllo da tempo dai militari è stato bloccato mentre scendeva dal pullman nella piazza principale della cittadina vittoriese, e dopo meticolosi accertamenti anche di tipo sanitario è stato trovato in possesso dello stupefacente e quindi arrestato e messo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria Iblea.

Si indaga per stabilire i collegamenti sempre con un altro cittadino tunisino era stato arrestato, tre giorni fa, dai Carabinieri di Modica con 7 ovuli di analoga sostanza celata con le stesse modalità.

 

***

Prosegue a ritmi serrati l’attività di contrasto allo spaccio di  droga, in particolare di eroina, nel territorio della giurisdizione della Compagnia di Vittoria, che ha consentito, nel tardo pomeriggio di ieri, di trarre in arresto un giovane corriere tunisino, S.S., di 20 anni, sorpreso con oltre 40 grammi di eroina suddivisa in due ovuli.

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile, nell’ambito di apposita attività di prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno notato il cittadino tunisino scendere da un pullman appena arrivato dal centro Italia in piazza V. Nenni a Vittoria e, dopo averlo monitorato nei movimenti, lo hanno sottoposto a controllo e ad una perquisizione personale che, in un primo momento è risultata negativa. Tuttavia, il modo di fare dello straniero, molto nervoso ed agitato, ha insospettito ancor di più i Carabinieri che, dopo aver informato il sostituto procuratore di turno presso il Tribunale di Ragusa, hanno condotto il giovane presso l’Ospedale Guzzardi al fine di espletare accurati accertamenti medici. Il sospetto dei militari ha trovato fondamento quando, dagli esiti delle radiografie, è risultato che all’interno della cavità rettale vi erano due ovuli: una volta recuperati, sono risultati contenere eroina pura dal peso complessivo di oltre 40 grammi. 

Condotto nella caserma di via Giuseppe Garibaldi, dopo le formalità di rito il 20enne è stato ristretto presso la casa circondariale di Ragusa, su disposizione del sostituto procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Ragusa, dottoressa La Placa, dinanzi alla quale dovrà rispondere del reato di detenzione e trasporto di droga. Ora, al vaglio degli inquirenti, che stanno proseguendo le indagini, la posizione del tunisino, per accertare l’eventuale complicità di altri criminali, il canale di approvvigionamento e la destinazione, considerato che l’eroina pura recuperata, una volta tagliata, avrebbe fruttato un guadagno di svariate migliaia di euro: la sostanza stupefacente sequestrata è già stata inviata presso il Laboratorio di Sanità Pubblica dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Ragusa al fine di stabilirne il principio attivo e il numero di dosi ricavabili.

L’attività messa in campo si inquadra nell’ambito dei servizi a largo raggio disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Ragusa, finalizzati alla prevenzione e alla repressione del fenomeno dello spaccio di droga, specie tra i giovani. Analoghi interventi proseguiranno nei prossimi giorni. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry