fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Operazione “Phantom”. La Guardia di Finanza scopre 65 falsi braccianti agricoli. Sequestro di beni per oltre 365.000 euro 

 

La Guardia di Finanza ha concluso un’attività di indagine in materia di indebite percezioni di indennità di disoccupazione agricola su delega della Procura della Repubblica di Ragusa, mettendo a segno l’operazione “Phantom”. Un’azienda agricola vittoriese aveva fittiziamente assunto 83 braccianti agricoli, i quali hanno percepito indennità non dovute per oltre 365.000 euro. 

 

L’azienda agricola di proprietà di I.F. ha assunto 83 lavoratori, tra il 2009 ed il 2011, senza neanche avere un terreno od una serra coltivata. Gli unici terreni riconducibili all’azienda erano certamente abbandonati ormai da diversi anni e su di essi non c’era traccia di alcuna coltivazione di ortaggi.

Lo studio della contabilità dell’azienda agricola ha consentito inoltre di appurare che a fronte di un così ampio numero di dipendenti, l’azienda stessa non aveva ricavi tali da consentire sia il pagamento degli stipendi agli operai che il versamento dei relativi contributi previdenziali. Basti pensare che nell’anno 2010, i ricavi erano pari a 0 (zero) e le somme da versare tra compensi e contributi erano pari ad euro 173.452 euro. 

Tuttavia l’I.N.P.S. erogava regolarmente le indennità di disoccupazione in favore dei braccianti dell’azienda, dei quali era stata creata una falsa posizione assicurativa, assistenziale e previdenziale. Tra i 65 lavoratori fittizi denunciati all’Autorità Giudiziaria, alcuni dei quali assunti in più annualità, vi sono anche 17 italiani prevalentemente vittoriesi, comisani, acatesi e niscemesi, oltre ad 1 rumeno, 1 algerino e diverse decine di tunisini, molti dei quali con buona probabilità non a conoscenza delle conseguenze penali delle false assunzioni.

Le Fiamme Gialle della Tenenza di Vittoria, dopo aver quantificato l’ammontare dell’importo non dovuto, hanno contestato il reato di truffa aggravata, continuata e tentata ai danni dell’I.N.P.S.. Il contributo indebitamente percepito ammonta ad euro 365.161 euro, dei quali è stato disposto il sequestro per equivalente, ovvero operato su beni mobili, immobili e conti correnti riconducibili al trentottenne vittoriese titolare dell’azienda, poiché strumentali alla commissione del reato di truffa ai danni dell’I.N.P.S. 

Il decreto di sequestro è stato emesso dal G.I.P. Claudio Maggioni su richiesta della Dott.ssa Valentina Botti - Sostituto Procuratore presso la Procura della Repubblica di Ragusa, che ha diretto e coordinato le indagini.

 

Dai conteggi operati sulle denunce aziendali trasmesse dall’azienda all’I.N.P.S., è emerso che le giornate lavorative dichiarate tra il 2009 ed il 2011 sono oltre 5.200; grazie alla “simulazione dell’ingaggio”, i falsi braccianti hanno indebitamente ottenuto la liquidazione dell’indennità di disoccupazione. 

L'indennità è un sussidio che lo Stato concede, in presenza di determinati requisiti, a quei soggetti che perdano il lavoro contro la loro volontà. Nel caso di specie i braccianti venivano assunti e licenziati nell’arco di pochi mesi, in modo da poter maturare l’indennità di disoccupazione. 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry