fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 21 maggio 2015 – Pochi giorni fa un giovane di Donnalucata, che ha subito gravi danni all’addome per ferita da arma da fuoco, ricoverato a Ragusa, è stato sottoposto ad un intervento chirurgico lungo e molto complesso, di ricostruzione dei tessuti lacerati e distrutti. L’intervento è stato condotto dai chirurghi di Ragusa. 

È stato il “battesimo del fuoco” nell’Asp per il dottor Vincenzo Fazio, in servizio al Civile da pochi giorni. 

Nato a Palermo nel 1954, laureato a Palermo, specializzato in Chirurgia Vascolare e in Chirurgia d’Urgenza e P.S., arriva in azienda proveniente dall’U.O. di Chirurgia Generale e d’Urgenza dell’A.R.N.A.S. ospedale Civico – Palermo. Forte di una lunghissima esperienza con oltre 2000 interventi chirurgici negli ultimi anni, sia in elezione e che in urgenza, di media ed alta complessità (resezioni epatiche, neoplasie delle vie biliari e del pancreas, neoplasie del colon e pancreas) sia in open che in videolaparoscopia.

Socio delle massime società scientifiche nazionali ed internazionali, è abitualmente relatore nei più qualificati congressi nazionali.   

 

«Sono molto contento che un ragazzo sfuggito alla morte per le lacerazioni da ferita da arma da fuoco sia stato restituito alla sua vita e a i suoi affetti, grazie ad un capolavoro della Chirurgia di Ragusa. Ringrazio naturalmente l’equipe della Anestesia e Rianimazione, guidata dal Dr. Rabito, senza cui questi interventi non sarebbero possibili. E’ importante che la nostra popolazione sappia che è superata la fase precedente di insufficiente specializzazione ed organizzazione. Speriamo che pochi abbiano bisogno di interventi per malattie gravi o per traumi pericolosi per la vita. Ma se sarà necessario saremo pronti per tutto questo. Salutiamo con piacere l’ingresso in Azienda del dr. Fazio– dice il direttore generale Aricò -  che ha immediatamente dimostrato le sue capacità professionali riuscendo a motivare e coinvolgere con entusiasmo tutta l’equipe del reparto».


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry