fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Palazzolo Acreide – E’ stato quantificato tra i 20 ed i 30 mila euro il danno derivante dal furto, avvenuto nei giorni scorsi, dei nuovi cavi elettrici di rame dell’impianto d’illuminazione dello stadio “Alessandro Scrofani Salustro” di Palazzolo Acreide.

L’immediata conseguenza, purtroppo, è rappresentata dal fatto che l’impianto (inaugurato poco più di un mese fa dopo anni di attesa ed in seguito all’espletamento di varie procedure burocratiche) non potrà più funzionare nè essere utilizzato. Il furto, che è stato scoperto soltanto ieri, sarebbe avvenuto lo scorso fine settimana (molto probabilmente venerdì notte) e condizionerà le attività dell’intero settore giovanile, che, fino a data da destinarsi, non potrà usufruire dei tradizionali orari pomeridiani per gli allenamenti. A condannare fortemente l’accaduto, oltre al “patron” Graziano Cutrufo, è stato il primo cittadino palazzolese Carlo Scibetta, che ha parlato di “grave danno economico e d’immagine non solo per la società ma per l’intera comunità”. Grande rabbia e amarezza anche nelle parole dei dirigenti della società iblea.

“Il furto – dice Stefano Frassetto – è stato messo a segno da persone esperte che sapevano bene come muoversi e che hanno fatto in modo da lasciare tutte le linee sotto tensione. Motivo, quest’ultimo, per cui abbiamo scoperto dell’accaduto soltanto ieri pomeriggio. Speriamo che quanto prima, anche se sarà difficile, - ha aggiunto - le istituzioni possano trovare le somme necessarie al ripristino”. Ieri, intanto, dopo la denuncia sporta dalla società ai carabinieri ed il via alle relativi indagini, l’amministrazione comunale si è attivata per espletare rapidamente le procedure atte a verificare il da farsi.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry