fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vittoria, 18 agosto 2014 – Una rapina è avvenuta alle 18.20 di sabato sera, vittima la tabaccheria con annessa ricevitoria lotto di via Garibaldi prospiciente piazza Dante Alighieri.

Gli autori, due noti pregiudicati, arrestati immediatamente dopo.

Uno è C.F., vittoriese di 39 anni con condanne per reati contro il patrimonio ed in particolare rapine. Sino a prima dell’arresto era anche sottoposto alla Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza che avrebbe terminato di scontare tra circa 1000 giorni. Era tornato in libertà solamente da un mese e mezzo, al termine di una condanna che lo aveva riconosciuto colpevole di una rapina ad una gioielleria di Niscemi commessa nel maggio 2007 che aveva fruttato a lui ed i suoi complici il bottino di 60.000 euro.

In quell’occasione si era sottratto alle ricerche, dandosi alla latitanza e venendo catturato nell’ottobre successivo al porto di Genova.

Una libertà che è durata solo 50 giorni. C. non è riuscito a risolvere la sua esistenza in altro modo ed è tornato a rapinare. Stavolta con un altro complice anch’egli avvezzo alle rapine (ne ha fatte sei): C.A.R., 45 anni, vittoriese che da ultimo aveva scontato una pena a quattro anni di reclusione e mille euro di multa per rapina, sequestro di persona ed armi. Ad inizio 2013 era stato affidato in prova al servizio sociale ed a metà anno aveva terminato i conti con la giustizia. 

 

I due, travisati da passamontagna nero, guanti in lattice e con una pistola in pugno irrompevano all’interno della tabaccheria, l’uno dirigendosi verso la cassa dei tabacchi, l’altro alla cassa dei giochi, scavalcavano il banco e senza parlare prelevavano tutto il denaro riponendolo dentro dei sacchetti .

Hanno assistito a tutta la scena diversi clienti ed anche il ragazzino figlio dei proprietari che terrorizzato vedeva gli incappucciati armati.

Arraffato tutto si davano alla fuga, ma inaspettato ed imprevedibile per loro, si registrava l’intervento di un cliente che bloccava uno dei malviventi scaraventandolo in terra. In tale frangente a quest’ultimo si sfilava il cappuccio ed i proprietari della tabaccheria, marito e moglie, riconoscevano C.A., abituale frequentatore della rivendita.

La Polizia del Commissariato di Vittoria riceveva la chiamata di allarme ed interveniva immediatamente. 

C.A. ha tentato di scappare tra le aiuole e gli arbusti di piazza Dante, gli agenti lo raggiungevano e lo bloccavano. L’altro era inseguito sulla strada parallela all’ingresso della tabaccheria che aveva guadagnato percorrendo delle scale che collegano il dislivello di due strade di questa zona. Riusciva a raggiungere casa, distante poche centinaia di metri dal luogo rapinato ed a barricarsi dentro. I poliziotti suonavano ripetutamente per farsi aprire, poi memori di precedenti fughe dello stesso pregiudicato che da una finestra posteriore di casa sua dà su uno strapiombo in una zona impervia, abbattevano la porta e lo bloccavano all’interno. 

 

Gli autori sono stati tratti in arresto per il reato di rapina pluriaggravata in concorso e porto abusivo di armi. C.F. anche per la violazione delle prescrizioni impostegli dalla sorveglianza speciale di p.s.

In serata sono stati associati alla Casa Circondariale di Ragusa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry