fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Ragusa, 9 dicembre 2015. I militari del nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Ragusa hanno arrestato un giovane sciclitano con l’accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

Un’autopattuglia dell’aliquota radiomobile, impegnata in un posto di controllo presso l’incrocio tra la SP25 e la SP37, detta la “via montana” tra Scicli e Santa Croce.

Ad un certo punto da Santa Croce sopraggiunge un’auto condotta da un giovane e i CC decidono di fermarlo e controllarlo. Identificato, i militari scoprono che era un soggetto di Scicli già noto per pregresse esperienze con gli stupefacenti e quindi decidono di perquisirlo. Proveniente da Santa Croce senza apparente valido motivo verso ora di pranzo, percorrendo pure una via secondaria, dunque i militari si sono insospettiti e gli hanno trovato nella tasca dei pantaloni gli trovano un grammo di hashish e centocinquanta euro in contanti. Dentro il cofano motore, aprendo la scatola che contiene la batteria, c'erano due due panetti di hashish.

Pensando che a casa ne avesse ancora, non potendo escludere che i centocinquanta euro fossero il provento della vendita di altrettanti, se non tre, panetti, i militari sono andati a Scicli a perquisire la casa dell’indagato e qui hanno trovato un bilancino di precisione e un coltello sporco di hashish. Il tutto è stato ovviamente sottoposto a sequestro.

Il giovane è stato arrestato per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio e sottoposto a rilievi foto-dattiloscopici. D’intesa col pubblico ministero dott.ssa Alessia La Placa della Procura della Repubblica iblea, è stato condotto al carcere di contrada pendente.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry