fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 8 febbraio 2016 – Altra scossa di terremoto nel ragusano, dopo quelle dei giorni precedenti. 

Questa volta si è avvertita chiaramente a Ragusa centro. Fonti maltesi scrivono di scossa di 4.7 gradi Richter (INGV poi riporta 4.6 e successivamente 4.2): «A tremor near Ragusa in Sicily was felt in parts of Malta this afternoon, notably in Valletta. The tremor registered 4.7 on the Richter scale at 4.35pm. The tremor was also recorded in the university's Seismic Monitoring & Research Group.»

Il terremoto pare avere epicentro proprio a Ragusa, ed è stato avvertito a Ragusa, Modica, Scicli, Noto, Pedara, Siracusa, Santa Croce Camerina, a quanto scrivono i nostri lettori.

INGV scrive di un terremoto di magnitudo (Mw) 4.2 alle 15h35 UTC (16h35 ora locale) con epicentro a 4.0 km di profondità tra Ragusa e Palazzolo Acreide (più esattamente tra San Giacomo Bellocozzo e Palazzolo, che dista 10 km dall'epicentro).

Sono seguite anche altre scosse di assestamento (ne riportiamo sotto alcune, per fortuna molte definite "strumentali", non avvertite dalla popolazione). Tra esse è stata notevole quella delle 17h57 UTC (18h57 ora locale) di magnitudo 3.7 a 7 km di profondità, nella stessa zona.

Palazzolo Acreide dista 10 km dall'epicentro, Giarratana 10 km, Ragusa 14 km, Modica 16 km, Noto 20 km, Siracusa e Scicli a 39 km (ben oltre i 20 km delle rilevazioni standard attorno agli epicentri), Catania 62 km, ma la scossa, essendo stata abbastanza superficiale si è sentita bene anche da quelle parti...

Le scosse di oggi seguono quelle di ieri, di cui abbiamo parlato in altra parte del giornale.

Non si segnalano sinora danni, ma non si hanno fino alle ore 18 notizie certe di controlli e rilevazioni in merito. La protezione civile Ragusa, attivata, poco dopo che abbiamo cominciato a scrivere l'articolo, conferma (ore 21) che niente di rilevante è stato segnalato, a parte forse la caduta di qualche calcinaccio nel duomo di San Giorgio.

Anche la protezione civile di Modica sta controllando vari siti del territorio modicano.

 

Le ultime rilevate dall'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia sono (con orari UTC) di magnitudo (Mw):

15h34  1.9

15h35  4.6

15h40  2.1

15h41  1.9

15h58  1.8

16h01  1.7

16h28  2.1

16h41  1.5

16h50  2.1

17h03  2.2

17h08  1.4

17h24  1.3

17h49  2.0

17h57  3.7

18h07  2.2 

21h02  1.6

 

In questo link un'interessante ricostruzione storica e una spiegazione del fenomeno sismologico da parte dei ricercatori INGV.

 

Nella foto grafico della faglia del Sudest che giunge sino a Malta, interessata dall'epicentro. Una faglia ritenuta dagli esperti molto interessante, e sede, nel 1693 del disastroso terremoto che colpì la Sicilia Orientale.

In questo link (pdf) il Piano Comunale di Protezione Civile del Comune di Ragusa.

 

Sismicità recente a Ragusa:

Terremoto a Ragusa: allertata protezione civile

Qualche scossa di terremoto nei Monti Iblei

Sismicità a Ragusa e Siracusa: scosse di assestamento

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry