fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Cronaca
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vittoria, 8 marzo 2016 – È entrato in un locale pubblico del centro storico di Vittoria e pretendeva dai titolari la somma di 300 euro, compenso dovutogli, a suo dire, per avere lavorato come deejay in due serate nel dicembre sorso.

È stato invitato a tornare  a fine serata, per non disturbare l’evolversi della serata dato che nel locale erano presenti tantissimi avventori, e così discutere con calma della questione.

Ma il vittoriese di 54 anni è andato in escandescenza ed ha minacciato il titolare. 

La Volante del Commissariato di Polizia di Vittoria si è trovata a transitare dinanzi il luogo ed un signore ha attirato l’attenzione degli Agenti che in breve hanno avuto contezza della situazione e sono intervenuti, trovando M.M., col quale hanno a lungo parlato e che consegnava un coltello che aveva poco prima brandito in aria nel corso delle minacce, a suo dire per difendersi dal fatto che era stato accerchiato da numerose persone che volevano buttarlo fuori.

La ricostruzione dei fatti ha permesso di accertare che il dj aveva prestato la sua opera la vigilia di Natale e capodanno. Le serate non erano state proprio un successo, la musica non aveva coinvolto i clienti, c’erano state lamentele e nonostante gli inviti a cambiare genere musicale, il dj aveva proseguito con la sua scaletta ed i suoi gusti.

Ciò aveva irritato gli organizzatori ed alla fine l’uomo non era stato pagato e non si era più presentato fino all’epilogo molto movimentato.

I poliziotti hanno sedato tutti gli animi e non ci sono state conseguenze più gravi.

M.M. è stato denunciato all’autorità giudiziaria per i reati di minacce aggravate e porto abusivo di arma.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry