fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Vittoria, 8 luglio 2014 – Sono stati pubblicati all'albo pretorio del Comune, ed è in corso la pubblicazione anche tramite manifesti murali, i bandi per la formazione delle graduatorie ai fini del conferimento di borse lavoro dal mese di ottobre dell'anno in corso fino all'autunno del 2016. 

Lo rende noto l'assessore alla Trasparenza, Piero Gurrieri che, insieme all'assessore ai Servizi sociali, Filippo Cavallo, e al responsabile della direzione, Salvatore Guadagnino, ha proposto alla Giunta comunale l'adozione della delibera recante alcune modifiche ai criteri di ammissione e agli elementi di valutazione delle domande, atto sul quale la commissione consiliare Trasparenza, interpellata dall'assessore, aveva in precedenza espresso un parere favorevole. 

“Ai bandi – dichiara Gurrieri - potranno partecipare, presentando, entro il 4 agosto 2014, una domanda il cui modulo è reperibile nel sito istituzionale e presso gli uffici comunali, i cittadini residenti e non occupati il cui reddito, risultante dall'ultima dichiarazione Isee, non ecceda i 10.000 euro. Si tratta, infatti, di una opportunità di sostegno, collegata ad uno stato di disagio che prescinde dal titolo di studio posseduto dai richiedenti, dato che può esistere marginalità anche a fronte di alte scolarizzazioni, che il Comune riesce ad assicurare in un modo limitato, in quanto limitate sono le risorse a propria disposizione. Una opportunità che ha comunque permesso, nell'ultimo biennio, di assicurare un sostegno a circa quattrocento utenti, tratti in modo trasparente da più graduatorie, cui è stata offerta la possibilità di misurarsi all'interno di alcuni servizi dell'ente.

Il sistema fortemente innovativo creato due anni fa, quest'anno è stato migliorato, tenendo conto delle esigenze manifestate dai cittadini e dai consiglieri comunali, e da quelle emerse durante questo biennio, e sono soddisfatto dell'accoglimento, da parte della Giunta, della quasi totalità delle mie proposte. Si è deciso di predisporre non uno ma più bandi, uno per ogni tipologia richiesta, in modo da seguire l'ordine di ciascuna graduatoria in maniera assolutamente automatica; di eliminare qualsiasi elemento di discrezionalità, dato che le graduatorie saranno predisposte solo sulla base dei "titoli" posseduti e dichiarati dagli interessati; di stabilire una durata della borsa uguale per tutti (4 mesi,prorogabili a 8 per i servizi scolastici); di stabilire l'attribuzione, a ogni nucleo familiare, di non più di una sola borsa, per garantire un accesso a tutti; di limitare al 15% del totale dei "posti" attribuiti durante l'anno precedente, l'attribuzione di borse a prescindere dalle graduatorie, ma solo nel caso di eventi drammatici che riguardino una persona o una famiglia, e a condizione che la straordinarietà di queste situazioni sia documentata in una analitica relazione del servizio sociale; di eliminare il requisito del possesso del titolo di studio dell'obbligo ai fini dell'accesso alla graduatoria principale. Penso che abbiamo fatto del nostro meglio e che il sistema, comunque perfettibile come tutti i sistemi, assicuri imparzialità e trasparenza.

Proprio per questo, periodicamente, le porte degli uffici saranno aperte alla Commissione Trasparenza, formata da consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, che potrà sincerarsi sulla correttezza di tutte le procedure senza alcuna barriera o segreto istruttorio".


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry