fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nei prossimi giorni verrà pubblicato sul sito del Comune  il bando avviso pubblico 

 

Ragusa, 2 febbraio 2015 – Con determina dirigenziale n. 105 del 30 gennaio scorso,  adottata dal Settore I - Affari Generali, è stato approvato il progetto “Adotta un cane” rivolto ai cittadini disponibili a prendersi cura  dei cani rinvenuti nel territorio comunale e ricoverati sia presso la struttura “Dog Professional” che presso il Rifugio sanitario comunale.

Il predetto provvedimento fa seguito all'atto d'indirizzo dell'Amministrazione Comunale, approvato dalla Giunta Municipale con provvedimento n.222 del 6 maggio 2014,  con  il quale si dispone di avviare, per un periodo di dodici mesi, una campagna di prevenzione  e lotta al randagismo  attraverso la misura dell'incentivo all'adozione dei cani  ricoverati nelle apposite strutture.

Nei prossimi giorni sul sito del Comune verrà pubblicato il bando avviso pubblico del progetto “Adotta un cane” in cui, tra l'altro, vengono indicati i requisiti necessari per ottenere l'affidamento definitivo dei cani (per un massimo di n. 2 animali per ogni  nucleo familiare). 

Prevista  l'erogazione di un contributo economico del Comune pari a € 200,00  a fondo perduto, una tantum ed onnicomprensivo,  quale concorso nelle spese di alimentazione e cura dell'animale. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry