fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Ragusa, 6 aprile 2016 – Predisposta dal Settore VIII una determinazione dirigenziale per avviare la procedura di gara per l’affidamento della gestione del servizio di asilo-nido, nell’ambito del Distretto socio-sanitario D44.  

Il servizio è finanziato con risorse del Piano di Azione e Coesione (PAC) del Ministero dell’Interno.

Sono gli asili nido comunali   Palazzello I e  Patro ad essere stati inseriti nell’elenco dei servizi da affidare a terzi, insieme all’asilo nido del Comune di Giarratana,  del Comune di Chiaramonte Gulfi e di Monterosso Almo. Il soggetto affidatario, avente i requisiti necessari stabiliti per legge,  dovrà occuparsi della progettazione, pianificazione e realizzazione delle attività educative, della cura e dell’igiene personale dei bambini, della preparazione e distribuzione dei pasti, della pulizia degli ambienti e delle attrezzature, della sicurezza, della fornitura dei materiali occorrenti per il funzionamento delle strutture e del personale (educatori ed ausiliari). Nel capitolato speciale  è specificata l’articolazione organizzativa del servizio, delle risorse umane occorrenti,  della mensa, delle verifiche e  controlli.

L’importo a base di gara è di 770.509,78 euro, oltre Iva. Il periodo di affidamento è riferito all’intero anno scolastico 2016-2017, con il  prolungamento dell’orario dalle  14 alle 16 e l’estensione del servizio nel mese di luglio.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry