fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Entro il 5 agosto presentazione delle  istanze per usufruire di buoni servizio per l’inserimento dei bambini negli asili nido convenzionati 

 

Ragusa, 25 luglio 2016 – Scade il prossimo 5 agosto il termine per la presentazione delle istanze relative all’ “erogazione di buoni servizio a sostegno delle famiglie per l’acquisto dei servizi per la prima infanzia (asili nido) accreditati e convenzionati”.

L’avviso pubblico si riferisce al secondo riparto dei  Fondi PAC Infanzia.

I beneficiari dei buoni servizi sono i bambini compresi tra i 3 ed i 36 mesi per la disponibilità di 16 posti presso la struttura accreditata micro-nido “Petit Club” ed 11 posti con riserva presso il micro-nido “Allegrodì”.  

Nel caso in cui il numero delle domande pervenute fosse superiore al numero dei posti disponibili, l’ente procederà a formulare una graduatoria per ciascuna delle strutture accreditate secondo i criteri previsti dal regolamento comunale di gestione degli asili nido comunali. Il buono servizio, la cui attribuzione è subordinata all’effettiva frequenza dei bambini (non meno di 5 giorni in un mese), sarà erogato direttamente alle strutture accreditate. 

Sul sito internet dell’ente (www.comune.ragusa.gov.it),  sezione “Bandi di gara, Incarichi e concorsi di prossima scadenza” dell’homepage, è possibile consultare il bando, l’avviso e scaricare i modelli d’iscrizione. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry