fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Modica, 24 novembre 2016 – Nell’ambito del progetto “L’Europa per i giovani 2016-‘17. Accoglienza, integrazione e diritti”, venerdì 25 novembre, si svolgerà, nel corso della mattinata, presso la sede dell’Istituto Superiore “Galilei-Campailla” di Modica, il secondo incontro sul tema dell’Integrazione e dei diritti. 

 

Dopo i saluti istituzionali del dirigente scolastico (prof. Sergio Carrubba), del Sindaco (Ignazio Abbate) e dell’Assessore alla cultura del Comune di Modica (prof. Di Giacomo), la prof.ssa Mulliri aprirà e modererà i lavori cui interverranno: 

- la dott.ssa Laura Rizza, avvocato (dottoranda in Giurisprudenza, XXIX Ciclo, presso il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Catania), con una relazione sul tema “Le politiche europee in materia di asilo e immigrazione”;

- l’Avv. G. NOBILE, Dirigente del M.F.E. di Ragusa, che tratterà delle "Tutele anti-discriminatorie nell'Unione Europea";

- l’autrice dell’opera “Storie di donne senza storia” Fethia Bouhajeb, Mediatrice culturale di origine tunisina, fondatrice nel 2011 dell’Associazione Multietnica interculturale Uniti Senza Frontiere, residente a Ragusa, che interverrà sul delicato tema della “Difficile integrazione della donna musulmana nella società occidentale”. 

 

Parteciperanno altresì il prof. Salvatore Licitra (vicepresidente Centro Studi “Feliciano Rossitto” di Ragusa), la dott.ssa De Gregorio del gruppo Emergency di Pozzallo. 

 

Si tratta di un’iniziativa che coinvolge le quarte classi ad indirizzo Scientifico, Classico e Artistico dell’Istituto impegnandole a sviluppare la loro “Idea di Europa” che sarà successivamente presentata al Parlamento Europeo. Il tutto si inserisce anche nelle iniziative per i 60 anni dalla firma dei Trattati di Roma in programma per il prossimo 25 marzo. 

 

Giuseppe Nativo


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry