fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 27 dicembre 2016 – “È totalmente falsa la lettera ricevuta in questi in questi giorni da alcuni studenti della città di Ragusa, presso il proprio domicilio”. 

Lo sottolinea l'Amministrazione Comunale, in merito alla missiva con tanto di logo del Comune di Ragusa e la citazione di un inesistente verbale della Giunta Municipale, contenuta all'interno di una busta non affrancata e senza indicazione del mittente, con la quale si comunica agli studenti destinatari della missiva che “domani mercoledì 28 dicembre, alle ore 10,30, presso l'aula magna del Consorzio universitario si terrebbe la cerimonia di consegna del “Premio Giovanni Spampinato” riservato dall'amministrazione stessa ad una rappresentanza dei più brillanti studenti diplomatisi negli istituti superiori della città nel decennio compreso tra l'anno scolastico 2000/2001 e l'anno scolastico 2009/2010”.

"La nota in questione è totalmente falsa – rimarca ancora l'Amministrazione Comunale - una bufala in piena regola che riporta tra l'altro in calce alla lettera/invito, come sottoscrittori della stessa, i nomi del dirigente del Settore VIII del Comune e quello del sindaco di Ragusa.

Ci preme ribadire quindi che domani, mercoledì 28 dicembre non ci sarà alcuna premiazione presso l'aula magna del Consorzio Universitario”.

 

A dire il vero sarebbe anche reato...


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry