fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 23 settembre 2016 – Si è tenuta oggi pomeriggio a Palazzo Spadaro la conferenza stampa di presentazione dell’evento che tra due giorni porterà le Frecce Tricolori a Donnalucata.

I 10 veivoli sono atterrai stamani a Comiso, presso l'Aeroporto "Pio La Torre", e già questa è una grande novità perché generalmente, per queste particolari occasioni, vengono utilizzati gli aeroporti militari. Quando (nel 2009) furono a Marina di Ragusa, ad esempio, venne utilizzato l’Aeroporto Militare di Sigonella (Catania).

«Posso dire che per me questo è un sogno – ha detto Dibennardo, presidente della SOACO – quando ho visto atterrare questi aerei a Comiso mi è venuta la pelle d’oca. Quando il presidente dell’Aero club A. D’arrigo di Comiso, Biagio Picarella – ha continuato Dibennardo – mi ha proposto questo evento, pensavo che fosse una cosa molto difficile da realizzare e, invece, eccoci qui».

Alla conferenza stampa era presente la commissaria straordinaria Tania Giallongo (con gli altri due commissari) che ha ricordato l’impegno dell’amministrazione comunale e la grande collaborazione tra gli uffici comunali e i rappresentanti della società civile.

 

Per l’evento collaboreranno (dislocati in vari punti del territorio e nel COC di Palazzo Mormino) 150 volontari di varie associazioni locali e nazionali, di assistenza, sanità e ambiente che si affiancano a Protezione Civile, 118 e Vigili del Fuoco, le comunicazioni radio verranno effettuate da ARI (Associazione Radioamatori Italiani) con ponti radio; grande il supporto dei commercianti che forniranno il pranzo a sacco per tutti i volontari e metteranno a disposizione i bagni dei locali che si aggiungeranno a quelli chimici inseriti dal comune di Scicli. 

Vasta la rete delle forze dell’ordine, con Carabinieri, Polizia, Guardia di Finanza e Vigili Urbani che si occuperanno anche della complessa viabilità e dei diversi parcheggi.

Ignazio Fiorilla, capo della locale Protezione Civile (un COC, Centro Operativo Comunale è stato preparato a Palazzo Mormino), ha spiegato i particolari tecnici e logistici molto utili anche per i cittadini che prenderanno parte all’evento e che domenica raggiungeranno la frazione balneare di Donnalucata.

Si prevede un afflusso forse mai registrato prima [decine di migliaia di presenze previste, ndr], per questo si chiede massima disciplina agli automobilisti e di facilitare le operazioni di ingresso ed esodo. Attorno a Donnalucata sono previsti 11 parcheggi più quello di Mercato Spinello, previsti anche diverse zone adibite all’utilizzo dei Bus navetta che, ovviamente, sono consigliati. Sette le zone controllate da forze dell'ordine e volontari.

Sulla pagina Facebook “Frecce Scicli” si può vedere la mappa dei servizi e a capire, in tempo reale, lo stato de parcheggi per capire se è il caso o meno di parcheggiare in uno piuttosto che in un altro.

«Percependo tutta questa aspettativa – ha dichiarato il maggiore della Pattuglia Acrobatica Nazionale, Mirco Caffelli – un po’ di ansia da prestazione viene, anche se in fondo siamo abituati a questo genere di cose. La Pattuglia Acrobatica è considerata tra le più preparate nel panorama internazionale, i piloti si distinguono per preparazione ed eleganza». A chi gli ha chiesto cosa succederà in caso di pioggia, il maggiore ha risposto che i piloti sono abituati ad esibirsi anche in condizioni avverse, semmai si cambia livello, ma salvo intoppi gravi ci esibiremo.

 

Su NoveTV il video della conferenza

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry