fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 12 dicembre 2016 – Nei locali del Ristorante Villa Fortugno, ha avuto luogo una bella e toccante Cerimonia degli auguri di Natale,  che, come ogni anno, e in maniera sempre diversa, il Kiwanis club Scicli, organizza per ricordare l'avvicinarsi delle Feste insieme agli Amici.

 

Quest'anno insieme al KcS si è unito il Kiwanis club Kasmeneo alla gradita presenza del Lgt Amm. Gaetano Paolo Russotto.

Si sono annoverate Presenze importanti, come quella del neo Sindaco di Scicli Prof. Enzo Giannone e del Vicesindaco Dott.ssa Caterina Riccotti, del Presidente dell'Associazione " Attenti al lupo " Dott. Raffa, quindi vari rappresentanti di altri Club della divisione Sicilia sud est e di altre Associazioni,  per arrivare alle vere importanti persone cioè VIP che sono stati alcuni Bambini del Rosario " accompagnati dalla insostituibile Amica Gabriella, i quali hanno reso preziosa la serata, leggendo una Poesia composta da Loro. 

 

Emozionanti sono state le parole del Lgt Russotto che ha riferito brani di riflessione sul Natale scritte da Papa Francesco 

 

Nel corso della Cerimonia, è stata data l'onorabilità di Socio all'amico Roberto La Micela che entra a far parte del Kiwanis club Scicli.

La cena che è seguita è stata allietata da un duo di musicisti molto  bravi.

 

 

Donatella Carbonaro


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry