Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Scicli, 5 maggio 2017 – Tempi durissimi, a Scicli, per chi sporca e deturpa l'ambiente, creando discariche abusive, o lasciando frigoriferi e simili in giro per le campagne.

Sono già state elevate le prime, salatissime multe, all'indirizzo di persone che, ignare del fatto di essere riprese da telecamere nascoste posizionate dalla Polizia Municipale, hanno commesso reato. 

La giunta Giannone ha impresso un colpo di acceleratore contro i reati di natura ambientale, e ha chiesto alla polizia locale di posizionare una serie di telecamere nascoste in alcuni siti del centro storico di Scicli e delle campagne, dove abitualmente i soliti ignoti abbandonano rifiuti creando discariche abusive. 

Dopo un'attività di monitoraggio durata qualche settimana, mentre le telecamere nascoste videoregistravano auto, numeri di targa, persone che compivano gli illeciti, la polizia municipale ha ora convocato presso il comando di corso Mazzini i responsabili per notificare loro le multe. 

Le sanzioni vanno da un minimo di 600 euro per chi abbandona i rifiuti a 1200 euro per lascia ingombranti. 

L'appello, a tutti i cittadini, è di non abbandonare rifiuti in spazi non consentiti, e tantomeno, rifiuti ingombranti, perché da questo momento in poi le sanzioni saranno elevate, e il controllo del territorio, grazie ai moderni dispositivi di cui si è dotato il Comune, molto capillari. 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry