Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Siracusa, 30 giugno 2017 – Il Generale di Corpo D’Armata Luigi Robusto, Comandante Interregionale Carabinieri “Culqualber” con competenza su tutti i Comandi della Sicilia e della Calabria, nella tarda mattinata odierna ha visitato il Comando Provinciale di viale Tica.

L’Alto Ufficiale è stato ricevuto dal Comandante Provinciale, col. Luigi Grasso, da tutti gli Ufficiali e una folta rappresentanza del personale dei reparti speciali dell’Arma in provincia, e dagli uomini dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Siracusa e della Rappresentanza Militare.

Il Generale Robusto, nel portare il proprio saluto ai militari, ha ribadito l’importanza della figura del Carabinieri a tutti i livelli, quale rappresentante delle Istituzioni nel quotidiano adempimento del proprio servizio e pertanto punto di riferimento del cittadino. Durante l’incontro con i militari, il Generale ha tenuto a ringraziare il personale per l’impegno giornaliero svolto sul territorio, sottolineando l’importanza del ruolo dell’Arma nella risposta alle esigenze di sicurezza obiettivo che deve essere raggiunto anche rafforzando sempre più il rapporto di fiducia tra l’Arma e la popolazione. Infine il Generale, ha invitato tutti i militari ad essere “cittadini esemplari” sia nel servizio che nella quotidianità della propria vita, così da essere sempre di esempio per tutti. Al termine dell’incontro l’alto Ufficiale, che ha voluto pranzare insieme ai militari del Comando Provinciale, ha lasciato Siracusa per ulteriori impegni lavorativi.

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry