fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Canicattini Bagni, 10 luglio 2014 – Il Comune di Canicattini Bagni è stato inserito nei finanziamenti previsti dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi, con il decreto del “Fare”, per quanto riguarda il Piano di edilizia scolastica “scuole sicure” e “scuole belle”.

 

Il primo finanziamento, di 599.480,00 euro riguarda il progetto redatto dall’ingegnere Paolo Randazzo (geologo Giuseppe Buccheri) per l’adeguamento e messa in sicurezza, con relativa realizzazione della scala esterna, del plesso “G. Mazzini” di via Umberto, del 1° Istituto Comprensivo “G. Verga” della città. 

Inoltre, per quanta riguarda l’altro programma d’intervento avviato dal Presidente Renzi per le piccole manutenzione e rendere belle le scuole, Canicattini Bagni ha ottenuto tre finanziamenti per le relative scuole, di 12.600,00 – di 14.000,00 – e di 15.400,00 euro.

Tra breve i relativi decreti e l’avvio delle procedure per i lavori.

 

«Sono soddisfatto – ha dichiarato il sindaco Paolo Amenta – e non avevo dubbi, lo scorso febbraio, in occasione della venuta a Siracusa del Presidente Matteo Renzi, della bontà della sua proposta di privilegiare, quale primo atto del suo Governo, il piano scuole, per riavviare i cantieri, e quindi l’occupazione, oltre a garantire ai nostri ragazzi la sicurezza dei locali nei quali vivono per gran parte della giornata. La messa in sicurezza e l’adeguamento delle strutture pubbliche alle nuove normative potevano essere realizzate solo ed esclusivamente con finanziamenti esterni ai Comuni che, come si sa, vivono gravi difficoltà finanziarie dopo i tagli subiti ai trasferimenti da Stato e Regione. Sistemare il plesso “Mazzini”, così come pensare alle piccole manutenzioni delle nostre scuole, pertanto, ci permetterà, oltremodo, di non appesantire il nostro bilancio».


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry