fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Palazzolo Acreide, 16 febbraio 2015 – Anche quest’anno, sebbene le condizioni meteo non sono state molte buone, andare a Palazzolo  è una occasione per conoscere uno dei carnevali più antichi e bella della Sicilia.

Un carnevale che ha origini molto lontane; viene detto che risale ad una  antica e singolare processione che si svolgeva  in occasione della festa della Madonna Odigitria, caratterizzata da un corteo di donne in maschera e coperte da un ampio manto, che irrompevano in mezzo alla processione sconvolgendola con il loro procedere a passo di musiche trascinanti e a ritmi di danza incalzanti. Nei primi del ‘900 gli artigiani organizzavano la manifestazione, erano loro che allestivano i “pupi” che venivano portati in giro per le vie del paese su dei carretti. Oggi alle sfilate di carri allegorici e gruppi in maschera si sono aggiunte sagra della salsiccia e varie degustazioni gastronomiche.

Nota a tutti la maschera di "Mangiamaccu", simpatica già nel nome, e caratteristica di quella terra iblea in cui non manca mai il "maccu" di fave (purée)...

Belli i carri di quest'anno, meno bella, purtroppo, la rissa in piazza, di cui diamo notizia in altra parte del giornale, che ha costretto i Carabinieri ad un intervento in forze: cose che si possono evitare, con un po' più di serenità e civiltà.

Per i lettori di Ondaiblea le foto di Salvatore Pluchino

 

Palazzolo Acreide: carnevale e rissa tra rumeni e italiani

 

(ph © salvatore_pluchino - #ondaiblea)


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

(ph © salvatore_pluchino - #ondaiblea)


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry