fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Share/Save/Bookmark
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Protagonista il soprano Micaela Carosi, staff d’eccezione, parte la cabina di regia “Mare-Monti” tra Noto e Palazzolo: sarà la lirica il primo progetto comune. Doppio appuntamento per il Gran Galà dell’Opera Lirica il 16 e 25 agosto

 

Palazzolo Acreide, 5 agosto 2014 – Mare e montagna lavorano insieme al rilancio turistico ed economico del territorio e partono dalla cultura e dallo spettacolo di qualità per fare insieme i primi passi. 

Ha preso il via attorno al tavolo della conferenza stampa di presentazione del Gran Galà Opera Lirica, svoltasi stamattina a Palazzo di Città di Palazzolo Acreide, una cabina di regia “mare- monti” condivisa tra i due Comuni di Noto e Palazzolo Acreide, entrambi inseriti nella lista Unesco- Patrimonio dell’Umanità. Dal riconoscimento comune e dalla voglia di integrare le reciproche caratteristiche territoriali, paesaggistiche, culturali ed enogastronomiche nasce il primo progetto condiviso che porterà il soprano internazionale Micaela Carosi a esibirsi in due location di eccezione: il prossimo 16 agosto sarà il Teatro Greco di Palazzolo Acreide ad ospitare l’evento, mentre il 25 toccherà a Noto che accoglierà il Gran Galà Opera Lirica nel Cortile dei Gesuiti.

“Non è stato facile organizzare questo grande evento a Teatro- ha detto il sindaco di Palazzolo Acreide Carlo Scibetta- ma siamo orgogliosi di esserci riusciti, bypassando tutte le problematiche logistiche, perché ci pare il modo più bello per valorizzare il riconoscimento Unesco: portare nei luoghi simbolo del territorio iniziative culturali e di spettacolo di alta levatura, come questo. 

È  il primo che facciamo in sinergia con Noto, ma certamente non può essere l’ultimo”.

La “cabina di regia” è stata subito colta al volo come occasione di concretizzare la seconda fase del Piano di Gestione che l’Unesco ha sottoposto al Distretto del Sud Est: ”Si tratta dei primi passi per l’attuazione delle fasi successive alla tutela del Piano di Gestione Unesco, concernenti la promozione- ha spiegato l’assessore alla Cultura del Comune di Noto Cettina Raudino-. Questa non può prescindere da una rete di sinergie reali che collaborino attorno ad obiettivi e tappe concrete. Il Gran Galà Opera Lirica è la prima su cui ci sperimentiamo perché crediamo che l’opera rappresenti una proposta culturale che si connota nell’immaginario comune come prettamente italiana. Ma ne seguiranno altre su cui discuteremo con l’amministrazione di Palazzolo”.

Grande soddisfazione anche per l’assessore alla Cultura di Palazzolo Acreide Paolo Sandalo:”Questo primo evento fa parte di una strategia di collaborazione con il Comune di Noto che intendiamo

approfondire, poiché siamo accomunati da molte cose: dalla presenza di beni culturali di rilievo, ad esempio, ma anche dalla scelta di investire in un turismo culturale che esca fuori dai soliti circuiti. Crediamo che per garantire il successo di questa collaborazione occorra fornire al viaggiatore una lettura non convenzionale del territorio, integrata: mare e montagna, due aspetti della nostra Provincia che si incontrano a poca distanza e che non tutti conoscono”.

“Si tratta della prima volta che un concerto di lirica si svolge nel Teatro Greco di Palazzolo- ha sottolineato la dirigente del settore Turismo e Spettacolo di Palazzolo Nella Monaco- e invitiamo tutti a cogliere questa opportunità partecipando per lavorare sempre con più efficacia a proposte culturali di questo tipo”.

Un investimento che si propone come virtuoso non solo perché il primo proposto concretamente dalla “cabina di regia” tra i due Comuni, ma anche perché prevede la partecipazione virtuosa di alcuni privati, che con grande amore per la lirica stanno sostenendo i due concerti. “L’Unesco non può essere una ‘qualifica dei cocci’- ha detto Enzo Storaci, organizzatore dell’evento-. Occorre trovare il percorso attraverso cui quei cocci, messi insieme, acquistano un significato irripetibile: questa è la missione del nostro territorio”. Sponsor dell’evento, inoltre, saranno anche la Cantina Marabino e Banca Nuova.

La scelta di abbinare due Comuni inseriti nella lista Unesco- Patrimonio dell’Umanità, e la musica lirica è nata anche in seguito alla proposta di un gruppo di cantori professionisti, coordinati proprio dal soprano Micaela Carosi che sarà protagonista dell’evento, di attribuire il riconoscimento di Patrimonio immateriale dell’Umanità all’opera. 

Il cast d’eccezione vanta, oltre alla presenza del soprano internazionale Micaela Carosi, attualmente impegnata nel Festival Pucciniano di Torre del Lago nei panni di Madama Butterfly, accompagnata dal tenore Marco Frusoni, dal baritono Giuseppe Garro e dal pianista Ivan Manzella.

 

E’ possibile acquistare i biglietti su www.ctbox.it o nei due botteghini: a Palazzolo, dal 6 al 16 agosto presso l'Ufficio Turistico del Comune dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 19.00; a Noto, dal 16 al 25 agosto presso il Teatro Comunale Tina Di Lorenzo dalle 18.00 alle 20.00.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni




 

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry