Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. 

Info: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Share/Save/Bookmark

Canicattini Bagni, 8 maggio 2017 – Si sono concluse domenica a Canicattini Bagni le tre giornate di esercitazione di Protezione Civile che ha visto impegnati i Comuni dell’Unione “Valle degli Iblei” (Buccheri, Buscemi, Canicattini Bagni, Cassaro, Ferla, Palazzolo Acreide, Sortino), 16 organizzazione di Volontariato della provincia di Siracusa, con 183 volontari e 35 mezzi tecnici.

L’esercitazione, organizzata dal Comune di Canicattini Bagni in collaborazione con i Comuni  dell’Unione “Valle degli Iblei” e il Dipartimento regionale della Protezione Civile, da venerdì 5 a domenica 7 Maggio, ha avuto come scenario il territorio dell’area montana e parte del territorio limitrofo dei Comuni di Noto e Siracusa, ed ha simulato  un evento sismico con due scosse di magnitudo 3.5 e 5.2, al fine di verificare il funzionamento dei Piani Comuni di Protezione Civile, e la capacità di risposta degli Enti coinvolti, ai diversi livelli di emergenza, nonché l'operatività del Volontariato.

Molteplici le attività che sono state svolte nel corso dell’esercitazione, impegnando il Volontariato, come sottolineato dal Di. Ma. Giuseppe Casella, responsabile della Protezione Civile del Comune di Canicattini Bagni, dove è stato attivato il Centro Coordinamento Esercitazione, presso la sala radio del Palazzo della P. C. di Piazza Caduti di Nassiriya.

«Tutte le squadre e le associazioni coinvolte – ha aggiunto Casella - hanno lavorato in maniera professionale nel rispetto delle procedure e della tempistica programmata, grazie anche al supporto del Dipartimento regionale di Protezione Civile, che con propri funzionari ha presieduto l’intera esercitazione, prima all’interno dei Centri Operativi Comunali (COC ) per una verifica dei Piani di Protezione Civile e successivamente presso il CCE di Canicattini Bagni».

L’esercitazione, oltre a verificare il sistema delle reti di comunicazioni alternative, le aree di emergenza, l’agibilità di edifici e la valutazione di beni culturali ed ecclesiali, la reale disponibilità e capacità di materiali e mezzi da impiegare in caso di emergenza, le norme da tenere in caso di evento sismico, è stata anche occasione di formazione per i volontari con delle specifiche sessioni  curate dai Disaster Manager (Di. Ma.) Roberto Tarantello, Gianni Attard, Mariella Toro e Mollica dei Vigili del Fuoco di Siracusa, che si è occupato di Sicurezza.

Tra le simulazioni di soccorso eseguite anche la ricerca di persone con l’ausilio unità cinofile, squadre tecniche  SAF e SAR, e ancora squadre sanitarie, per finire con alcune attività antincendio che, tra l’altro, nell’immediato vedranno come ogni anno impegnato il Volontariato di Protezione Civile nello spegnimento degli incendi estivi.

Nella giornata conclusiva svolta a Canicattini Bagni, sono stati il Sindaco Paolo Amenta e l’Assessore alla Protezione Civile, Salvatore La Rosa, a consegnare gli attestati di partecipazione i tanti volontari presenti.

«A loro, donne e uomini, in particolare va il nostro ringraziamento – ha detto il Sindaco Amenta – per il lavoro e l’impegno quotidiano profuso, del tutto volontario,  a salvaguardia delle vite umane e del nostro territorio. E questo anche in questo momento difficile con i fondi per il Volontariato drasticamente ridotti dalla Regione. Le vite e il territorio per tutti noi sono tutto. Un grazie dunque a tutti i volontari che sono stati impegnati in questa tre giorni e a quanti ne hanno permesso lo svolgimento: dalla Prefettura di Siracusa al Dipartimento regionale di Protezione Civile, dal Comando Compagnia Carabinieri di Noto a tutti i Comuni dell’Unione “Valle degli Iblei”, alla Misericordia di Cassibile che si è fatta carico di rifocillare i volontari gestendo la cucina dell’area di ammassamento».

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry