fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy


Ondaiblea la Rivista del Sudest

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Per il sesto anno consecutivo, l’edizione 2015 di “A Tutto Volume” ha riscosso un enorme successo, nella città di Ragusa, con un pubblico numeroso che ha affollato ogni piazza, ogni luogo dell’evento.

“A Tutto Volume” è una manifestazione in cui il padrone di casa è il libro. Il libro nelle sue sfaccettature. Una manifestazione che dà la possibilità ai lettori di interloquire con lo scrittore, di porgli domande e curiosità, di toccare, quasi con mano, la trama della sua opera.

Quest’anno, l’evento si è svolto nelle giornate dal 12 al 14 giugno, spostandosi dai luoghi limitrofi a piazza San Giovanni all’incantevole scenario barocco di Ragusa-Ibla.

La novità di questa edizione è stata la suddivisione della manifestazione in quattro sezioni: “In dialogo”, sezione in cui un giornalista conduce un’intervista, un dialogo appunto con lo scrittore, scavando nei meandri più profondi del suo modo di scrivere e di interpretare la tematica trattata; “In scena”, nel cui ambito gli scrittori e poeti leggono i loro scritti, accompagnati da diapositive o video riguardante i componimenti; “In favola”, sezione dedicata ai bambini, in cui si leggono racconti e favole nell’avvolgente atmosfera delle librerie; “In cucina”, sezione dedicata al cibo, all’alimentazione e a tutti coloro che amano l’arte culinaria.

Lo scrittore e il suo libro. Due elementi di un tutt’uno. L’autore racconta la sua storia su un palco a forma di libro e sul palco un tavolino a forma di enorme bicchiere di vetro.

Un’edizione ricca di eventi che ha abbracciato spettatori e, soprattutto, lettori di ogni età.

Nella giornata di venerdì, quella inaugurale, l’intervista del giornalista Michele Nania all’ex magistrato Gherardo Colombo ha aperto la kermesse dando il via a tutti i successivi appuntamenti con i tanti scrittori; incontri ad orari diversi, anche a serata inoltrata, come quello di venerdì sera alle ventitré con lo scrittore e critico Filippo Facci.

Domenica 14 giugno è stata la giornata conclusiva. Ultimo incontro, la crème de la crème, l’evento più coinvolgente, più divertente dell’edizione 2015. Si tratta del “Pugilato Letterario”, ovvero un dibattito, svolto su un “ring” fatto di libri, riguardante il capolavoro letterario de “I Promessi Sposi” di Alessandro Manzoni.

Sul ring, un tavolo con una lavagnetta, per segnare il numero dei round; il gong, con cui l’arbitro aveva il compito di far iniziare e terminare ogni round, e due guantoni, posti ai lati del tavolo, uno rosso e uno blu. A dibattere sull’opera, due concorrenti: il giornalista Tiziano Scarpa (vincitore del premio “Strega”) e Marco Ardemagni (giornalista radiofonico). Due illustri concorrenti in singolar tenzone, l’uno “pro” l’altro “contro” l’opera letteraria de “I Promessi Sposi”. Ciascuno con tre minuti a disposizione per dire la proprio opinione ad ogni round. A decretare il vincitore dell’incontro è stato lo stesso pubblico, alzando un foglietto blu o rosso in base alla preferenza.

Ogni round (per un totale di sei) è stato contraddistinto da un tema: 1) Perché amare e perché odiare “I Promessi Sposi”; 2) Trama e personaggi; 3) Stile; 4) L’animo del lettore; 5) Perché considerare “I Promessi Sposi” un capolavoro o perché non considerarlo come tale; 6) Scambio di pensiero di entrambi i “pugili” sull’opera manzoniana.

Le argomentazioni sono state articolate e molto variegate. Spunti interessanti sull’opera manzoniana che hanno fatto riflettere non poco. Alla fine dei sei round, il pubblico ha decretato il vincitore: foglietto blu a favore di Ardemagni, il “pugile contro”.

Un’edizione fantastica, dall’inizio alla fine.

Aspettando “A Tutto Volume 2016”, si può leggere qualche libro per ingannare l’attesa…

 

Lucia Nativo

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati - Condizioni 

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica   Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro
Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI)
Carocci Editore
Salvo Micciché
Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica)
Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib
Salvo Micciché
Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario
Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché
Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Edizioni Biancavela - StreetLib
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché
Dall'Alba ai Girasoli
Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Libri

Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'Oro Ignazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice Sion La Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La China
San Guglielmo Cuffitella -
un profilo agiografico 
Edizioni ilminutod'Oro
Ignazio La China 
Appunti per una Storia
della Pietà popolare a Scicli 
Editrice Sion
Ignazio La China 
La Sacra Rappresentazione delle Milizie
Edizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry