fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Giovanni Caccamo e Lucia Nativo

Ragusa, 2 marzo 2015 – L’Auditorium San Vincenzo Ferreri, con le sue numerose e alte colonne tortili arricchite da motivi fogliacei, ha dato il benvenuto venerdì 27 febbraio, alle 18.30, a Giovanni Caccamo, vincitore di Sanremo Giovani 2015.

Caccamo è un giovane di venticinque anni, nato a Modica ma cresciuto a Ragusa; un giovane con il dono del canto e le note musicali nel DNA. E sono state queste peculiarità, possedute da pochi, che lo hanno fatto emergere con tutta la sua semplicità e soprattutto autenticità.

Autenticità in quanto Giovanni è rimasto lo stesso, ovvero un ragazzo semplice, che si emoziona e si stupisce.

La sua vita è cambiata grazie all’incontro con Franco Battiato, che ha capito la potenzialità del giovane cantautore ibleo che poco più di un anno fa ha firmato il contratto discografico con una importante società discografica.

 

A fine 2013 Caccamo parte con il suo primo tour “Live at Home”, una tournée originale che lo vede girare l’Europa suonando nelle case della gente. Unico requisito per poter mettere a disposizione il proprio salotto è la presenza di uno dei più classici degli strumenti: il pianoforte. 

I suoi sogni si sono realizzati appieno proprio quest’anno, con la partecipazione alla sessantacinquesima edizione del Festival di Sanremo, in cui vince nella categoria “Nuove proposte” con il brano “Ritornerò da te”. Un brano molto orecchiabile, facile da ricordare proprio per la bravura del cantautore che ha aggiunto a parole chiare e autentiche un ritmo melodioso e leggero.

È principalmente questo brano che tutti i suoi fans volevano ascoltare dal vivo, venerdì 27 febbraio all’Auditorium San Vincenzo Ferreri. 

Auditorium gremito di tanta gente, con tanti amici ed anche i suoi compagni di classe. Poi i professori del Liceo e tanti i ragusani e non, che hanno voluto essere presenti per salutare e complimentarsi con Giovanni Caccamo, un talento tutto siciliano di cui essere fieri.

L’incontro con il cantautore è servito anche per presentare il suo ruolo di direttore artistico per il Festival delle Relazioni, che si svolgerà nei prossimi mesi nel capoluogo ibleo.

Il Festival è realizzato dalla Fondazione San Giovanni Battista di Ragusa, che, in collaborazione con il Comune di Ragusa, ha organizzato l’evento di venerdì 27 febbraio.

 

Lucia Nativo

 

(nella foto Giovanni Caccamo con Lucia Nativo, Ondaiblea)


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Giovanni Caccamo e Lucia Nativo

Ragusa, 2 marzo 2015 – L’Auditorium San Vincenzo Ferreri, con le sue numerose e alte colonne tortili arricchite da motivi fogliacei, ha dato il benvenuto venerdì 27 febbraio, alle 18.30, a Giovanni Caccamo, vincitore di Sanremo Giovani 2015.

Caccamo è un giovane di venticinque anni, nato a Modica ma cresciuto a Ragusa; un giovane con il dono del canto e le note musicali nel DNA. E sono state queste peculiarità, possedute da pochi, che lo hanno fatto emergere con tutta la sua semplicità e soprattutto autenticità.

Autenticità in quanto Giovanni è rimasto lo stesso, ovvero un ragazzo semplice, che si emoziona e si stupisce.

La sua vita è cambiata grazie all’incontro con Franco Battiato, che ha capito la potenzialità del giovane cantautore ibleo che poco più di un anno fa ha firmato il contratto discografico con una importante società discografica.

 

A fine 2013 Caccamo parte con il suo primo tour “Live at Home”, una tournée originale che lo vede girare l’Europa suonando nelle case della gente. Unico requisito per poter mettere a disposizione il proprio salotto è la presenza di uno dei più classici degli strumenti: il pianoforte. 

I suoi sogni si sono realizzati appieno proprio quest’anno, con la partecipazione alla sessantacinquesima edizione del Festival di Sanremo, in cui vince nella categoria “Nuove proposte” con il brano “Ritornerò da te”. Un brano molto orecchiabile, facile da ricordare proprio per la bravura del cantautore che ha aggiunto a parole chiare e autentiche un ritmo melodioso e leggero.

È principalmente questo brano che tutti i suoi fans volevano ascoltare dal vivo, venerdì 27 febbraio all’Auditorium San Vincenzo Ferreri. 

Auditorium gremito di tanta gente, con tanti amici ed anche i suoi compagni di classe. Poi i professori del Liceo e tanti i ragusani e non, che hanno voluto essere presenti per salutare e complimentarsi con Giovanni Caccamo, un talento tutto siciliano di cui essere fieri.

L’incontro con il cantautore è servito anche per presentare il suo ruolo di direttore artistico per il Festival delle Relazioni, che si svolgerà nei prossimi mesi nel capoluogo ibleo.

Il Festival è realizzato dalla Fondazione San Giovanni Battista di Ragusa, che, in collaborazione con il Comune di Ragusa, ha organizzato l’evento di venerdì 27 febbraio.

 

Lucia Nativo

 

(nella foto Giovanni Caccamo con Lucia Nativo, Ondaiblea)


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

Libri di Salvo Micciché

Scicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry