fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Palazzolo - Atletico Catania 1 a 1

 

Palazzolo Acreide, 26 novembre 2014 – Tante imprecisioni ma anche tanta sfortuna e parecchie decisioni arbitrali sfavorevoli hanno impedito ai gialloverdi di battere l’Atletico Catania e di accedere al turno successivo della Coppa Italia di Promozione. 

Palazzolo che, dopo lo 0-0 della gara d'andata, doveva assolutamente vincere e che comincia a gran ritmo chiudendo subito nella sua trequarti l’Atletico. Al 14’, però, con la squadra di casa protesa in avanti alla ricerca del gol, un lungo lancio dalle retrovie consente all’attaccante etneo Ventura di scattare sul filo del fuorigioco e di battere con un preciso pallonetto al volo il portiere gialloverde Aglianò per la rete del provvisorio vantaggio ospite. Gli ibeli provano a reagire due minuti più tardi, con un colpo di testa di poco al lato di Nastasi, ma l’occasione più ghiotta per pareggiare ce l’ha Andrea Germano, che al 32’ salta con un sombrero il suo diretto marcatore ritrovandosi tutto solo davanti al portiere Romeo, il quale, nella circostanza, si rende protagonista di un grandissimo intervento mandando la sfera in angolo sul destro dell’attaccante gialloverde. Al 36’, poi, è Sollano, dal limite, a calciare forte trovando la provvidenziale deviazione di un difensore catanese. L’assedio del Palazzolo è costante e al 43’ Saraceno, di testa, sigla il gol del pari ma il guardalinee induce il direttore di gara ad annullare tra le vibranti proteste dei giocatori gialloverdi per una posizione di fuorigioco a dir poco dubbia. 

Allo scadere della prima frazione di gioco, poi, si assiste ad un episodio curioso e ai limiti dell’assurdo quando l’arbitro prima lascia correre applicando il vantaggio su un fallo ai danni di Saraceno al limite e poi ritorna sulla sua decisione precedente fischiando la punizione in seguito ad un palese e reiterato fallo da rigore sempre ai danni dell’esterno del Palazzolo, che nel frattempo si era rialzato e stava andando in porta. La ripresa comincia con un destro potentissimo di Quarto che, calciando dalla lunga distanza, sfiora la traversa: è il preludio alla splendida rete dell’1-1, che, al 50’, viene siglata da Germano: l’attaccante gialloverde, nell’occasione, è abilissimo a saltare in slalom il portiere avversario dopo un bel passaggio in profondità e a depositare il pallone in rete con un preciso destro. La gara s’infiamma col Palazzolo che continua a spingere alla ricerca del gol-qualificazione e la formazione ospite che di rendepericolosa soprattutto in contropiede, prima con La Marca e poi con un destro impreciso di D’Urso. Il pallone per potrebbe cambiare la storia della partita, all’ultimo minuto di recupero, ce l’hai sui piedi il difensore Christian Ricca, che, però, calcia di sinistro in precarie condizioni di equilibrio mandando al lato da ottima posizione. La qualificazione al turno successivo, dopo il pari a reti bianche dell'andata, viene dunque conquistata dall’Atletico Catania. 

 

 

Palazzolo: Aglianò, Saraceno, Accardo, Quarto, Genovese, Ricca, Sollano (87’ Arena), Nastasi, Germano (80’ Linares), Miraglia (67’ Sirugo), Lentini. A disp. Occhipinti, Salvadori, Bordonaro, Gallo. All. Attardo.

 

Atletico Catania: Romeo, Grasso, Scaglione (46’ Di Stefano), Ardizzone, La Marca, Leonardi, D’Urso (90’ Ghobu), Pistone, Censabella, Rosignoli, Ventura (21’ Soaudi). A disp. Noto, Musumarra, Celano, Zappalà. All. Marletta. 

 

Arbitro: Carpenzano di Ragusa, assistenti Spadaro e Agnello di Ragusa.

 

Reti: 14’ Ventura, 50’ Germano. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry