fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 17 gennaio 2015 – Assenti per squalifica il difensore Rossitto e l’attaccante Carrabbino, prima “chiamata” per Leandro Gange, ex Rari Nantes. L’attaccante, svincolato, è stato tesserato in settimana vista la necessità del Belvedere dopo alcune assenze forzate per infortunio o squalifica.

 Domani la squadra di Costantino Forcellini si recherà a Ragusa per il quarto turno di ritorno del girone D di Promozione.

Un magro bottino sinora per gli aretusei che dopo un finale di girone in crescendo, sono incappati in due pesanti sconfitte (Gela e Atletico Catania) e un pareggio casalingo nel derby contro lo Sporting Priolo che non ha smosso più di tanto la classifica.

Domani al “Selvaggio” non sarà semplice per il Belvedere, perché il Ragusa è un’altra delle formazioni accreditate (e a maggior ragione dopo il mercato di dicembre) per disputare i play off per il salto di categoria.

In settimana si è lavorato molto sull’aspetto tecnico ma anche mentale, perché il tecnico Forcellini ha chiesto alla sua squadra determinazione ma soprattutto attenzione, evitando nervosismi che possano compromettere la partita strada facendo. Questi i convocati in vista della trasferta di domani: Cerruto e Sessa (portieri); Carpinteri G., Spada, Conti, Saraceno C., Saraceno M., Zagami, Barry, Visicale (difensori); Leone, Messina, Failla, Tralongo, Spoto (centrocampisti); Formica, Gange, Pincio (attaccanti).

 

Fonte: Siracusanews


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry