fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Palazzolo Acreide, 24 gennaio 2015 – Dare seguito alla splendida vittoria ottenuta sette giorni fa con l’Atletico Gela continuando la difficile ma non impossibile rincorsa sulle prime della classe: è l’intento della formazione guidata da Massimo Attardo, che domani pomeriggio, al “Sasà Brancato” di Pachino, farà il possibile per cercare di battere una delle squadre più in forma del momento. 

“Veniamo da una grande prova che, dopo un periodo non facile, ci ha reso più forti soprattutto dal punto di vista del morale, - spiega, dall’alto della sua grande esperienza, il portiere Giovanni Navanteri, il quale, la scorsa settimana, ha esordito con la maglia gialloverde rendendosi protagonista di una prova convincente – si tratta di un campo difficile ma la squadra c’è e sono convinto che con la giusta cattiveria, nonostante sia un terreno di gioco molto duro, potremo avere la meglio. 

Dal punto di vista personale, - ha aggiunto il portiere classe 1972 – mi sono messo a disposizione della società in virtù della grande amicizia che mi lega al presidente Graziano Cutrufo e continuerò a dare il mio apporto finché ce ne sarà bisogno”. 

La gara esterna con i granata pachinesi, che verrà diretta dall’arbitro ragusano Carmelo Gurrieri con la collaborazione degli assistenti di linea Giuseppe Santuccio e Salvatore Runza di Siracusa, è valida per la quinta giornata del girone di ritorno del campionato di Promozione. Calcio d’inizio alle 14,30. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry