fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Palazzolo Acreide, 13 aprile 2015 – Quattordicesima vittoria stagionale e bilancio positivo per il Palazzolo, che ieri ha chiuso la regular-season battendo a domicilio il fanalino di coda Comiso per 3-2 ed ha agganciato in classifica il Santa Croce, a quota 49 punti. Il quinto posto finale consente alla squadra del tecnico Massimo Attardo di accedere meritatamente ai play-off e di poter lottare fino in fondo per la promozione in Eccellenza: il primo spareggio vedrà i gialloverdi affrontare l’Atletico Gela, che ha chiuso alle spalle della Leonzio, mentre nell’altra semifinale il Gela se la vedrà con il Santa Croce. 

Tornando alla gara di ieri, che, in virtù del contemporaneo successo dell’Atletico Gela, per il Palazzolo era decisiva, la scena è stata tutta per il difensore maliano Youba Doumbia: il terzino destro classe 1996, proprio nella gara del suo esordio, ha firmato il terzo gol dei gialloverdi, che, alla fine, si è rivelato fondamentale ai fini della vittoria. Doumbia, che è arrivato a Palazzolo a stagione in corso, ha dimostrato tutto il suo valore nonostante la giovane età giocando senza alcun timore e siglando la rete del provvisorio 3-1 con uno splendido pallonetto su servizio di Linares. 

La sua storia è molto bella e particolare: giunto in Italia lo scorso anno si è trasferito a Palazzolo dopo qualche mese, e, avendo impressionato lo staff tecnico per il suo modo di stare in campo e per le sue doti tecniche, ha cominciato ad allenarsi riuscendo, pian piano, a trovare la sua dimensione proprio in terra iblea. “Purtroppo, però, - sottolinea il diciottenne nativo del Mali – non ero ancora riuscito a giocare per una lunga serie di problemi burocratici. I documenti, infatti, tardavano ad arrivare e non era possibile procedere al tesseramento”. 

Da una decina di giorni, tuttavia, grazie all’impegno del diesse Stefano Frassetto e di Rosadea Angelico, le formalità sono state espletate e la società del presidente Graziano Cutrufo, finalmente, è riuscita a tesserarlo. Cosa che gli ha consentito di poter prendere posto in panchina nella gara vinta con il Ragusa prima dell’attesissimo esordio con goal di ieri.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry