fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 18 maggio 2015 – Anche Ragusa ha accolto  l’evento Run Day evento  promosso da Decathlon e assistenza tecnica ASD No al Doping,  una corsa podistica che si è svolta in tutti I negozi Decathlon d’Italia, su una distanza di poco più 5 km ha voluto unire quasi 150 appassionati della corsa e miscelando  la passione al divertimento.

Il via alle 11 davanti il punto vendita di Ragusa c/o Centro Commerciale Iblea, hanno coperto la distanza tra le vie attorno, per la cronaca sportiva giunge al traguardo il fortissimo atleta Sciclitano Vincenzo Lorefice  in forza alla polisportiva Corso Italia di Pisa con un tempo strepitoso 17 minuti e 30 secondi, secondo giunge Giorgio Mirabella Asd Padua Ragusa, terzo Maurizio La Carrubba Asd Barocco Running.

Il podio in rosa vede al traguardo Margheret Cotrin Maia della asd Padua Ragusa, seconda Laura Cascone Barocco Running terza al traguardo Laura Tumino Asd No al Doping; 

Gruppi sportivi  presenti, Siemu a Peri, Amuni’, che hanno voluto cimentarsi sul tracciato con i loro associati

 

A tutti i premiati buoni acquisti a ai partecipanti maglia tecnica e prodotti a marchio Decathlon, un sentito ringraziamento và alla Polizia Municipale di Ragusa che ha garantito la sicurezza nel tracciato alla direzione del centro Commerciale Ibleo che ci hanno ospitato, ma un vero plauso a tutti i partecipanti con la loro presenza hanno reso unica questa meravigliosa giornata di sport.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry