fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Ragusa, 23 novembre 2015 – La Pallamano Ragusa si accontenta di un pari a Palermo, ma mantiene comunque la testa della classifica a quota tredici punti, anche se, dopo cinque giornate nel campionato di Serie B, gli inseguitori si sono riavvicinati con As Impianti Aetna ed Hanball Mascalucia che si trovano distanziate di appena un punto. 

Questo sette sarà il prossimo avversario dei ragusani e verrà a marcare visita sabato 28 novembre alla palestra Sebastiano Parisi di via Bellarmino. Ieri, contro l’Handball Palermo, il tabellone segnava il punteggio di 19-19, al termine di un match caratterizzato da un sostanziale equilibrio, anche se il primo tempo era finito con il risultato di 7-10 per gli ospiti iblei. 

La Pallamano Ragusa non ha trovato il giocatore che ha spinto tutti gli altri. Infatti, la dotazione di goal è stata pressoché uguale per tutti i componenti del roster. 

Il diciannovesimo gol, che ha significato parità, per i ragusani lo ha messo a segno Giorgio Raniolo dopo il lancio effettuato dal portiere Javier Anzaldo. 

Il pareggio ottenuto a Palermo mette in luce come il campionato di Serie B, quest’anno, sia assolutamente duro e come ogni partita rappresenti davvero una finale. Per cui occorre giocare ciascuna gara con la massima concentrazione e determinazione. E alla fine la spunterà la squadra che avrà dimostrato di essere più continua.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry