fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Modica, 26 agosto 2014 – Volgono al termine le vacanze estive per atleti e staff tecnico della Conad Scherma Modica.

Da lunedì 25 agosto è infatti iniziata presso lo Stadio Caitina di Modica la fase di preparazione atletica volta all'avvio della stagione agonistica 2014/2015 che si preannuncia particolarmente lunga ed impegnativa. 

La stagione precedente, conclusasi con la medaglia di bronzo di Giorgio Avola ai Mondiali di Kazan, lascia ben sperare per il futuro del sodalizio modicano che si è rimesso al lavoro, agli ordini del preparatore atletico Salvatore Di Natale, con il solito entusiasmo.
I primi ad esordire sono stati gli atleti delle fasce d’età ricomprese tra i 15 ed i 20 anni. 

Il secondo scaglione di atleti si radunerà tra i primi di settembre e la seconda metà del mese.
«Abbiamo iniziato proprio con le categorie cadetti e giovani – commenta il Maestro Giancarlo Puglisi – che saranno le prime ad essere impegnate in gara ad Ottobre nelle due prove Open di qualificazione nazionale a Como e Ravenna e con la prima prova nazionale cadetti di Salsomaggiore. 

A novembre, invece, esordiranno le categorie under 14 con le gare del circuito denominato Grand Prix Kinder+ Sport in programma nuovamente a Ravenna e a Lucca.»
Ripresa degli allenamenti a breve anche per il campione olimpico Giorgio Avola, che quest'anno inizierà in anticipo la stagione agonistica con la prima gara di Coppa del Mondo in programma a San Francisco nella seconda metà di ottobre.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry