fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 14 aprile 2016 – Si è concluso il progetto Voce Fuori Campo promosso dalla Fondazione Ema Pesciolinorosso, e patrocinato dal Comune di Ragusa,  il tre aprile 2016, sancito dalla manifestazione sportiva VIVICITTA’ organizzata dall’ ASD no al Doping attraverso il supporto di Mimmo  Causarano. 

I ragazzi di Voce Fuori campo hanno partecipato con staffetta di 4 km x 3  a squadre da tre.

Nessun vincitore, nessun vinto per i ragazzi del PesciolinoRosso, poiché il senso della loro partecipazione rappresenta uno degli obiettivi principali del progetto: Fare aggregazione e consolidare uno stile di vita sana attraverso lo sport. 

Sulla carta come da copione sportivo, attraverso il cronometro ufficiale della manifestazione , i ragazzi dell’ ISTITUTO R. GAGLIARDI di Ragusa, (Carmelo Di Pasquale – Salvatore Cataldi – Stefano Criscione) hanno per primi tagliato  il traguardo posto proprio in v.le Tente Lena; ma tutti i partecipanti quali : Gaetano Iacono – Paco Jora – Antonio Nifosì – Mostafa Reda….. Hanno dimostrato talento e spirito di squadra. 

«Un ringraziamento particola va alla dottoressa Alessia Russo che ha seguito scrupolosamente, non lasciando nulla al caso tutta la Progettazione, che ribadisce è stata possibile solo ed esclusivamente alla professionalità dei soggetti coinvolti e del lavoro di rete», scrivono gli organizzatori. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry