fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Sport
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 1 settembre 2014 – Gianni Voi conferma l’edizione 2014 del Memorial Peppe Greco.

La gara podistica che si corre nel centro storico di Scicli, anche quest’anno si svolgerà in notturna, il 27 settembre alle ore 21.

«Abbiamo fatto il possibile assieme a tutta l’associazione Peppe Greco per realizzare anche quest’anno la gara –dice Voi–. Inutile nascondere le difficoltà nell’organizzare la manifestazione sotto l’aspetto economico. Nei prossimi giorni comunque definiremo la start list che potrebbe riservarci una gradita sorpresa».

 

Quella di quest’anno è la 25ª edizione.

 

Tra i campioni degli anni passati, Stefano Baldini, medaglia d’oro nella maratona alle Olimpiadi di Atene nel 2004; l’atleta emiliano da sempre è stato assai legato a Scicli ed al “Peppe Greco”, avendo partecipato a ben sei edizioni, vincendo nel 2005, pochi mesi dopo la meritata vittoria ad Atene.

 

L’Albo d’oro

1990 e 1991 Giorgio Adamo;

1992 Gerry Interrante;

1993 Francesco Bennici;

1994 e 1999 Paul Tergat (Kenya);

95, ‘96, ‘97 e ‘98 Haile Gebrselassie (Etiopia);

2000 Brahim Lahlafi (Marocco);

2001 Hailu Mekonnen (Etiopia);

2002 Charles Kamathi (Kenya);

2003 Kenenisa Bekele (Etiopia);

2004 Sileshi Sihine (Etiopia);

2005 Stefano Baldini;

2006 e 2007 Martin Lel (Kenya);

2008, 2009 e 2010 Edwin Soi (Kenya);

2011 Imane Merga (Etiopia);

2012 Bill Hillary Kiprono (Kenya);

2013 Thomas Lokomwa (Kenya).


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry